A teatro con “Sogno e son desto”, per creare consapevolezza e riaccendere nei ragazzi lo stupore e la meraviglia…

Voglio condividere oggi con voi alcuni estratti del mio incontro di teatro “Sogno e son desto! Stavo cambiando il mondo e ho dimenticato la pentola sul fuoco” che sto portando in giro per l’Italia, con grande gioia e passione, rivolto in particolare ai ragazzi delle scuole superiori.

I temi che affronto – attraverso parole, immagini, musiche, video e giochi – sono quelli della pace, dell’intercultura, della giustizia, della fraternità, del rispetto dei diritti umani e dell’ambiente, cercando di farlo in modo leggero e ironico, ma non per questo meno profondo.

E’ una soddisfazione indescrivibile vedere gli occhi dei ragazzi illuminarsi quando si rendono conto che la vita può essere una meraviglia, che ci sono valori per cui vale la pena di vivere e di impegnarsi!!!

Per iniziare, ecco una breve riflessione che contiene anche il tanto agognato segreto dell’eterna giovinezza

Questo è un viaggio immaginario nel tempo e nello spazio alla scoperta della nostra eredità culturale, il modo migliore – a mio avviso – per scoprire il valore della diversità. Dedicato a quanti credono ancora nella “purezza della razza”, e della cultura…

Ecco un breve accenno ad una riflessione che mi sta particolarmente a cuore, al punto da averla sviluppata approfonditamente nel mio nuovo libro, che ho consegnato giusto pochi giorni fa alla editrice EMI e che uscirà in gennaio, il cui titolo sarà proprio questo: Sbagliando non si impara: è grazie ai successi che cambia il mondo e cambiamo anche noi”.

Questa è una serie di battute ispirate da fatti reali che ci mostrano quanto le cattive notizie spesso alimentino strumentalmente le nostre paure, per secondi fini assai poco nobili.

Liberiamoci allora dalle ansie e dai timori infondati e recuperiamo il piacere di vivere, la meraviglia che sta nelle relazioni, lo stupore e l’incanto che è nello sguardo dei bambini…

E per concludere una breve riflessione sulla sostenibilità ambientale, per introdurre in modo semplice e immediato l’indicatore dello zaino ecologico, uno strumento prezioso per comprendere l’importanza delle nostre scelte quotidiane su un piano ecologico – ma anche sociale – e di conseguenza avvicinarsi al tema dei nuovi stili di vita.


Mi fermo qua, dicendo soltanto che chiunque condivide questi valori e fosse interessato a promuoverli portando l’incontro nella propria città non ha che da contattarmi. Qui potete trovare la scheda tecnica di presentazione.

Vi terrò aggiornati sugli sviluppi…

P.S. Un grazie speciale agli amici di FLATMIND per le riprese e il montaggio del video!

Finiamola con le favole ecologiste e pacifiste…

Efficienza-Energetica-edilizia.jpg

Questo non è davvero il momento per parlare di ambientalismo o perderci in utopiche illusioni pacifiste.

Siamo nel pieno di una crisi economica – ed occupazionale – senza precedenti e di questo è necessario occuparsi, seriamente!

Non intendo ripetere qui le analisi già sentite mille volte in questi mesi sulla necessità di risanare il nostro debito e riequilibrare lo spread fra i nostri BTP e gli equivalenti bund tedeschi. Vorrei provare a dare invece un contributo di riflessione su come cercare di mantenere per quanto possibile il denaro, e di conseguenza anche l’occupazione, in Italia.

Per fare questo credo sia utile riflettere un attimo sul saldo della bilancia commerciale italiana, sul rapporto cioè fra le nostre esportazioni e le importazioni dall’estero.

Questo aspetto assume un ruolo davvero decisivo in un mercato globale che si muove sempre più su una dimensione internazionale.

In teoria infatti, come amano ricordarci spesso, noi dovremmo trarre benefici dallo scambio con l’estero perché l’esportazione porta ricchezza nel nostro paese e se pensiamo che essa è cresciuta nel 2010 del 15,7%, nonostante la crisi, sembrerebbe esserci di che ben sperare.

Purtroppo però, nel bilancio complessivo, l’import supera di gran lunga l’export e soprattutto cresce a un ritmo quasi doppio (+22,6%) rispetto alle esportazioni, per cui ci siamo ritrovati nel 2010 di fronte a una perdita netta per le nostre tasche di 27,3 miliardi (pari a una intera manovra finanziaria!) e ad un trasferimento continuo di ricchezza all’estero.

Nel 2011, secondo le proiezioni Istat sui dati di novembre, dovrebbe essere andata un po’ meglio (si fa per dire) con una perdita netta di “soli” 25,8 miliardi di euro a causa di “un aumento congiunturale” delle esportazioni del 2,3% per il mese di novembre.

Un dato incoraggiante, ma che non sposta di una virgola la riflessione: se non riusciamo a riequilibrare questo rapporto non potrà esserci alcuna sostenibilità economica strutturale e nessuna manovra sarà sufficiente per uscire definitivamente dalla crisi!

(A chi ci ricorda, di continuo, che la Cina potrebbe essere per noi un mercato potenziale enorme voglio semplicemente far notare come essa rappresenti appena il 2,3% delle nostre esportazioni, in lievissima crescita, mentre costituisce già ora il 7% delle importazioni e in forte aumento!)

Se poi guardiamo nel dettaglio ci accorgiamo che un quarto delle importazioni è rappresentato da prodotti finiti o semilavorati e da materie prime, ma in realtà è l’energia a rappresentare la principale fonte di questo squilibrio per il nostro paese, costituendo il 75% della perdita nel 2010. Senza le importazioni di energia saremmo addirittura in attivo. E il dato delle importazioni dei prodotti energetici è cresciuto ulteriormente nel 2011 (+17,2%) aggravando ancora il nostro saldo energetico.

Quindi occorre una riflessione seria sulla nostra autonomia energetica, come condizione per poter avere anche una autonomia politico-economica!

 

Continua a leggere nel mio blog sul Fatto Quotidiano…

Piccoli virtuosi crescono…

Inizia domani la Scuola di AltRa Amministrazione all’interno del Festival della Cittadinanza di Padova, con centocinquanta tra sindaci, assessori e consiglieri comunali iscritti da tutta Italia, che si metteranno dietro ad un banco per ascoltare e prendere appunti, motivati a riprodurre sul proprio territorio le buone pratiche messe in campo con successo in altri Comuni.


Nel frattempo si è aperto ufficialmente il Bando per la quinta edizione del Premio nazionale dei Comuni a 5 Stelle
, promosso dall’Associazione dei Comuni Virtuosi, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, del Coordinamento Agenda 21 Italia, Rete Nuovo Municipio, Borghi Autentici d’Italia, Città del Bio, Altreconomia, Reset Radio, ed altri ancora…


Qui potete trovare ogni informazione
sul Premio, che scade il 30 giugno.

 

Il virus del buonsenso si diffonde inarrestabile!!!


Capannori a “Presa Diretta”

presa_diretta.gifDomenica sera (20 marzo) state incollati alla televisione e guardate Rai 3!

Nella puntata di “Presadiretta”, il giornalista Riccardo Iacona racconterà del Comune di Capannori (LU) come esempio di buon governo in Italia!

Dopo una serie di esempi di “cattiva amministrazione”, Iacona introdurrà il discorso su Capannori dicendo che esiste un posto in cui “si può prendere una boccata d’aria”: Capannori!

Potremo vedere un servizio ricco di immagini del territorio che mostrano le buone pratiche ambientali, come la raccolta differenziata e la via della buona acqua, e le politiche innovative realizzate dal Comune per sostenere istruzione e sociale.

Durante il filmato i giornalisti di Presadiretta spiegheranno, nel dettaglio, il virtuosismo di Capannori nei vari settori. Al termine, ci sarà un’intervista di Iacona al sindaco Giorgio Del Ghingaro, presente in studio.


»
EFFECORTA: il “supermercato” del futuro! .» Capannori resiste!

Un primo incontro fra i “sognatori”, in marcia verso il futuro

Fino ad ora molti non si erano mai guardati in faccia, ma avevano semplicemente condiviso un “appello” per il futuro del nostro paese.

 

abbiamo_un_sogno.jpgInvece domenica 28 novembre, a Firenze, si sono riuniti per un primo incontro di coordinamento i rappresentanti delle varie realtà che hanno firmato l’appello “Abbiamo un sogno”. L’obiettivo principale di questa riunione era proprio di far incontrare le molteplici realtà aderenti e riflettere tutti insieme sulla modalità con cui  si intende organizzare il cammino futuro.

Nonostante le difficili condizioni metereologiche (pioggia in città e neve sull’appennino) e la città chiusa per una maratona, i partecipanti sono stati quasi un centinaio provenienti un po’ da tutta Italia.

 

La prima parte della riunione è stata dedicata alla presentazione di ogni realtà presente; 5 minuti a testa per presentarsi e condividere le motivazioni che hanno portato a firmare l’appello e quindi a venire a Firenze.

Le realtà intervenute, tra gruppi di acquisto, associazioni, liste civiche, comitati, sindaci virtuosi sono state numerose e a tutti è stata data possibilità di intervenire, a sottolineare la ferma volontà di un percorso realmente partecipativo e democratico.

Sono stati portati anche i saluti di quanti, non potendo essere presenti, hanno voluto inviare un augurio e un contributo di idee all’incontro; fra questi Tonino Perna, promotore del Patto di Teano, Flavio Lotti della Tavola della Pace, Francuccio Gesualdi del Centro Nuovo Modello di Sviluppo, Mao Valpiana Direttore di “Azione nonviolenta“, Antonio Vermigli promotore della Marcia per la Giustizia, i neonati Movimenti Civici della Sicilia che ho incontrato a Palermo nei giorni immediatamente precedenti all’incontro di Firenze e altri ancora…

Dalla prima parte dell’incontro è emersa una variegata partecipazione civica alla vita politica del paese, con numerose realtà dell’associazionismo che operano attraverso un impegno attivo ma esterno alle istituzioni, mentre altre hanno scelto di costituirsi in liste civiche per poter avere una rappresentanza diretta nelle istituzioni locali, spesso ottenendo anche importanti risultati alle elezioni locali.

 

Il mio invito è stato quello a non farsi prendere dalla fretta per eventuali scadenze elettorali imminenti, perché la partecipazione richiede tempo, e a cercare di costruire partendo dai punti comuni, da ricercare insieme, più che marcare le specificità di ciascuno, legittime ma non utili a favorire questo difficile ma fondamentale processo aggregativo del “sogno”.

 

La seconda parte della riunione è stata dedicata a discutere delle aspettative e fare alcune proposte concrete per l’avvenire.

Fra i tanti, mi ha colpito l’intervento di Paolo Cacciari, che ha invitato a muoversi fin da subito come una forza politica organizzata, a prescindere dalle scadenze elettorali, e ad organizzarsi per esprimere direttamente una nostra “autorappresentanza”.

Si è concluso convenendo sulla necessità di sostenere anche economicamente il “sogno”, perché l’autonomia economica è indispensabile per una reale autonomia politica, e stabilendo di lavorare alla promozione di un “conclave” aperto a tutte le iniziative costituenti che si stanno muovendo in questo momento nel nostro paese, per il 29 gennaio.

 

Da questo dovrebbe nascere poi un’Assemblea costituente, verso fine febbraio, aperta a tutti i diversi percorsi costituenti, nella speranza che possano fondersi in un unico percorso condiviso.

 

Forse la maratona di Firenze era un segno: prepariamoci a percorrere un lungo cammino insieme!

Il bicchiere mezzo pieno!

“You may say i’m a dreamer, but i’m not the only one.”

(John Lennon)

 

 

Scrivo questo post con grande gioia e soddisfazione!!!

 

Quando due anni fa, insieme a Jacopo Fo, decidemmo di scrivere il libro Non è vero che tutto va peggio molti ci presero per matti (forse non avevano tutti i torti…) anche perché nessuno -o quasi- riusciva in quel momento ad osservare la realtà secondo una prospettiva che permettesse di cogliere anche i numerosi segnali dei cambiamenti positivi in corso.

 

Ottimismocompresso.JPGQuasi nessuno, come ho detto, perché il grande Simone Canova (un vero pioniere!) da 10 anni porta avanti con passione e continuità il mitico Cacao delle buone notizie, Sergio Tripi ha fatto lo stesso con Good News Agency e dal 2001 anche Silvio Malvolti ha lanciato Buone Notizie prima come rivista, e poi con un ricchissimo sito internet. Di recente si è aggiunto anche il sito Good News.

 

Ma si trattava soltanto di esperienze isolate, come delle oasi nel deserto.

Ora invece la cosa si sta diffondendo molto rapidamente…

 

workshop1.jpgMi piace pensare che i tanti incontri di presentazione in giro per l’Italia, seguiti al successo del nostro libro, e il Seminario “Cambiare prospettiva” sulle buone notizie, che organizzammo ad Alcatraz il 18-19 aprile 2009, abbiano giocato un ruolo nella promozione di questa prospettiva più costruttiva e fedele alla realtà.

 

Riscontro infatti con grande soddisfazione che essa si è diffusa in maniera capillare nella nostra società, penetrando in mondi assai diversi fra loro e portando a tanti la possibilità di una visione di speranza, alternativa rispetto a quella cupa rassegnazione, alla paura o alla disperazione, che le tv vogliono intenzionalmente produrre ogni giorno con secondi fini poco nobili.

 

In quest’ultimo anno infatti si sono moltiplicati i blog, i siti e le riviste che ospitano una rubrica fissa di buone notizie.

Si va dalle testate generaliste come Zip news a siti specializzati come “Io amo internet“, per un uso responsabile e libero della rete, a blog come questi:

http://www.cuntrastamu.org/wordpress/?cat=12 (contro le mafie)

http://buone-notizie.myblog.it/

http://www.fabiobe.com/p/category/buone-notizie/

http://www.solobuonenotizie.it/

 

…fino alle rubriche in testate di cronaca locale come la Gazzetta di Parma, Buone Notizie Bologna o Sanremo Buone Notizie.

 

Vi sono inoltre diversi siti con una rubrica di buone notizie, su temi specifici come questi:

 

LaNuovaEcologia_dicembre.jpgPace: Peacereporter


Diritti umani: Diritti globali e Amnesty International che ospita una sezione Buone notizie e ha scritto anche un servizio sulle migliori buone notizie del 2009.


Ambiente: La nuova ecologia, dopo lo speciale che io scrissi per il numero di dicembre 2008 sulle 10 migliori notizie per l’ambiente del 2008 continua in questa sua attenzione alle buone notizie come dimostrano vari articoli fra cui vi segnalo questo.

Altri siti ambientalisti con una rubrica fissa di buone nuove sono Ecoalfabeta e Bioest.

 

C’è addirittura chi ha avuto il coraggio di raccogliere in un libro tutte le “Buone notizie da Napoli“: è questo infatti il titolo di un volume scritto da Giovanni Lucianelli, da cui sono nati anche dei forum tematici sulle sei sezioni in cui è diviso il libro (sanità, ambiente, solidarietà, tecnologia, cultura&lavoro ed economia).


premio_buone_notizie.jpgE’ nato anche un Premio“Buone Notizie – Civitas Casertana” vinto alla sua prima edizione da Giovanni Minoli e con una menzione speciale al vescovo di Caserta, monsignor Raffaele Nogaro, da sempre attento al rapporto del mondo dei media con la società.


Pare persino che stia per nascere un tg web e satellitare esclusivamente di buone notizie; di sicuro ci sono già rubriche di buone notizie in diverse radio, come quella di Radio Bue.

 

E naturalmente, ma forse questo non c’è neppure bisogno di scriverlo, le mitiche “Good news” alla fine di Report!

 

Per chi parla inglese poi c’è l’imbarazzo della scelta: Happy NewsGlobal Good NewsGood News Network.

 

A questo punto, visto che le possibilità di trovare ogni giorno buone notizie non mancano davvero, vorrei concludere con le parole di Mons. Giuseppe Zenti, già vescovo di Verona e oggi sulla cattedra di San Zeno:

 

“Oserei lanciare una proposta: concertare uno sciopero in grande nei confronti dei media che non si decidono a dare pubblicità a tutti i fatti significativi di bene. A dare voce e volto alle belle notizie. Almeno al 50%.

Il bene torni ad essere il vero protagonista dei media!

Fatti di bene ve ne sono tutti i giorni. Molto più numerosi di quelli segnati dalla cattiveria o dalla sventura”.

 

Mi pare un’ottima proposta, affinché la nostra denuncia, doverosa, di ogni forma di ingiustizia sia sempre affiancata dall’annuncio delle alternative concrete possibili, attraverso tanti esempi concreti.

E’ questo il bicchiere mezzo pieno!

Il 75% degli italiani è contro il nucleare!

NUCLEARE_SICURO?.jpg

 

Tre italiani su quattro non vogliono nemmeno prendere in considerazione l’idea di una centrale nucleare nella propria provincia. E il 72 per cento non crede che le attuali tecnologie nucleari garantiscano elevati standard di sicurezza.

 

E’ il verdetto che esce dall’indagine sulla democrazia energetica condotta dall’Istituto Format per conto di Somedia su un campione statisticamente rappresentativo della popolazione italiana di età superiore ai 18 anni (sono state effettuate 1.000 interviste con il sistema Cati dal 14 al 17 settembre 2009).

 

L’atomo esce bocciato in modo netto, nonostante il lungo pressing del governo che ha aperto all’industria francese del settore, in forte difficoltà di bilancio e alle prese con l’aspro contenzioso giudiziario per l’impianto di nuova generazione che sta subendo un rinvio dopo l’altro in Finlandia.

 

Che il nucleare non piaccia agli italiani del resto sembra essere una conclusione alla quale è arrivato anche Palazzo Chigi: il governo ha deciso di rinviare la definizione dei siti per le quattro centrali che intende costruire a un periodo successivo alle elezioni regionali di primavera.

 

Ricordate quando -oltre un anno fa- io mettevo in discussione un sondaggio di SWG per Confesercenti che pareva dimostrare il contrario, sostenendo che il loro modo di porre le domande avesse orientato le risposte?

 

Ha proprio ragione Francesco De Gregori quando canta:

“La storia da torto o da ragione.”

 

Le 10 migliori notizie per l’ambiente del 2008

LaNuovaEcologia_dicembre.jpgNel numero di dicembre de La Nuova Ecologia, il mensile di Legambiente, potete trovare un ampio servizio al quale ho lavorato diverse settimane, che presenta le 10 migliori notizie per l’ambiente del 2008.

 

Il servizio è anche in copertina della rivista ed è il frutto di una grande ricerca che ho svolto, in stretta collaborazione anche con la Redazione, dapprima per trovare, poi per scegliere e infine per scrivere queste notizie, che sono anche affiancate da un inquadramento generale del tema trattato e dall’opinione di un esperto sulla materia.

 

La prima notizia, e la copertina, non potevano che andare alla storica elezione di Obama, che sul piano ambientale annuncia una vera e propria rivoluzione verde, con scelte coraggiose e seri investimenti sulle rinnovabili anche in direzione di un rilancio dell’occupazione negli States.

Le altre notizie sono queste:

– Il vento spazza via l’atomo; L’avanzata delle bici in Italia; Diminuiti gli incendi boschivi; L’Australia segue l’esempio cinese: al bando i sacchetti di plastica; Inaugurata in Norvegia la più grande banca fitogenetica del mondo; Il Brasile annuncia nuove aree protette in Amazzonia; Aumentano le persone che bevono acqua del rubinetto; Fotovoltaico, inventate celle solari 500 volte più efficienti; Ritorna in Europa la “Beluga SkySails”, la nave trainata da un aquilone.

 

Se non trovate la rivista in edicola potete richiederla attraverso il sito, oppure  ordinarla on-line.

 

BUONA LETTURA!

“venite bambini, per merenda la mamma vi ha preparato nucleare e nutella…”

 a

906964229.jpgQuesta è l’immagine del nucleare che stanno cercando di trasmetterci: sicuro, pulito, efficiente e soprattutto economico!!!

 

La propaganda è ormai quotidiana, con l’obiettivo evidente di creare il consenso e legittimare la decisione assurda di installare nuove centrali nucleari in Italia, facendosi beffa del referendum del 1987.

 

 

E uno degli strumenti più efficaci in questo senso è creare e diffondere la sensazione che ormai la maggioranza della popolazione sia già favorevole…

 

Anche il recente sondaggio realizzato da SWG per Confesercenti va in questa direzione, mostrando che il 54% degli Italiani sarebbe favorevole al nucleare.

 

Un risultato “leggermente differente” da quello ottenuto da un sondaggio analogo realizzato da IlSole24Ore, secondo il quale sarebbe invece favorevole al nucleare solo l’8% degli italiani, mentre il 57% risulterebbe favorevole alle fonti di energia rinnovabili!

Il risultato del sondaggio SWG è il frutto prevedibile della domanda, che è stata posta in modo tale da orientare già la risposta:

 

“Negli ultimi mesi si è riaperto il dibattito sulla realizzazione di centrali nucleari all’interno del territorio italiano, per permettere la produzione di energia a costi ridotti. Lei cosa ne pensa?”

La prospettiva dei “costi ridotti” è ovviamente allettante, e indirizza già la risposta; ma per chi si occupa di questioni energetiche è chiara ormai la consapevolezza che il nucleare non ridurrebbe affatto i costi dell’energia in Italia.

L’uranio 235 diventa sempre più raro e difficile da estrarre; il suo costo è cresciuto di 6 volte negli ultimi 5 anni (cioè il triplo di quanto è cresciuta la benzina!) e le prospettive per il futuro sono ancora peggiori; questo rende gli investimenti in questo settore poco allettanti per gli stessi investitori.

Secondo un recente studio Usa condiviso dall’industria atomica (il Nuclear Power Joint Fact-Finding) l’elettricità di una nuova centrale nucleare è destinata a costare il doppio (8-11 centesimi di dollaro per kWh) rispetto alla media.

68768770.jpg Non a caso la gara per la costruzione di nuove centrali indetta da Bush è andata deserta fino a quando l’amministrazione non ha introdotto un incentivo di 1,8 centesimi di dollaro al KWh, la stessa cifra prevista per l’eolico.
Sostenere che il ritorno al nucleare riduce la bolletta è falso, ormai questo lo ammettono anche i più seri sostenitori dell’atomo.

 Inoltre i recenti incidenti verificatisi nel giro di poche settimane, in Spagna nella centrale di Cofrentes, in Slovenia nella centrale di Krsko e ancor più in Francia a Tricastin, con fughe radioattive che hanno contaminato 97 operai e fuoriuscita di acque contenenti uranio riversatesi in due fiumi della zona, hanno riaperto il dibattito sulla sicurezza delle centrali, mentre resta sempre attuale il problema delle scorie radioattive, che impiegano milioni di anni per decadere.
2011235605.2.jpg

 

 

Inoltre, se ancora non bastasse, in termini di occupazione il nucleare crea 5 volte meno posti di lavoro rispetto all’eolico -tanto per fare un esempio fra le rinnovabili- a parità di energia prodotta, con 100 posti per GWh generato, contro i 542 dell’eolico.

 

 

 

 

 

Per concludere, sentite cosa ha detto al proposito del nucleare il premio Nobel per la fisica Carlo Rubbia:

  

Se avessimo posto la domanda con queste premesse forse avremmo ottenuto un risultato leggermente differente…

Ve la immaginate? Sarebbe stata più o meno così:

“Negli ultimi mesi si è riaperto il dibattito sulla realizzazione di centrali nucleari all’interno del territorio italiano, pur sapendo che queste non ridurrebbero affatto i costi dell’energia, ma aumenterebbero i rischi di incidenti, e che dopo pochi anni di attività sarebbero già da smantellare a spese dei contribuenti.”

Vogliamo provare a rifare il sondaggio con queste premesse?!?

riciclare conviene!

949452176.jpg Certamente questo signore non avrebbe bisogno che qualcuno glielo ricordi….

 

Ma per noi smemorati, proprio in questi giorni in cui infuriano le polemiche per gli atti di forza con cui si stanno imponendo le discariche e gli inceneritori intorno (dovrei dire quasi “dentro”) a Napoli, trovo utile ricordare quali e quanti siano i vantaggi della raccolta differenziata e del riciclaggio a tutti i livelli: sociale, ecologico, economico… 

 

Noi abbiamo provato a calcolare i benefici dell’azione che abbiamo promosso nell’ultimo anno sul nostro territorio di Faenza come associazioni di volontariato Mani Tese e Comitato di Amicizia. Questi sono i RISULTATI!!!

 

E per quanti volessero fare questi calcoli sulla propria attività, ho prodotto un piccolo KIT per calcolare i benefici ecologici ed economici della raccolta differenziata:

KIT PER CALCOLARE I BENEFICI ECOLOGICI
ED ECONOMICI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

Incominciamo dalle cose più semplici:

RISPARMIO NELL’ABBATTIMENTO DI ALBERI
Sono sufficienti 70 kg di carta riciclata per risparmiare l’abbattimento di un albero;
quindi è sufficiente dividere i kg raccolti per 70 e abbiamo già gli alberi salvati.

RISPARMIO IDRICO
Riciclare la carta significa ridurre enormemente l’impiego di acqua nel processo produttivo.
Per produrre 1 kg di carta occorrono infatti 440 litri d’acqua, mentre per produrre 1 kg di carta riciclata solo 1,8 litri.
In pratica ogni kg di carta riciclata consente un risparmio di 438,2 litri d’acqua!
Moltiplicando i kg di carta raccolta per 438,2 si ottengono quindi i litri risparmiati.
Ogni cittadino italiano consuma in media 90.000 litri all’anno; dividendo i litri ottenuti per 90.000 si ottiene dunque il numero di cittadini il cui consumo annuo equivale all’acqua risparmiata.

Un po’ più complesso è invece il calcolo del risparmio nelle emissioni di CO2 e di petrolio, perché ogni materiale ha un coefficiente diverso; proviamo a vederli insieme:

RIDUZIONE EMISSIONI CO2
– per 1 tonnellata di ferro o acciaio riciclato, il risparmio di emissioni è di 1,5 ton di CO2 eq;    
– per 1 ton di alluminio si risparmiano 9,9 ton di CO2 eq;
– per 1 ton di carta il risparmio è di 1,3 ton di CO2 eq;
– per 1 ton di legno il risparmio è 1 ton di CO2 eq;
– per 1 ton di plastica si risparmiano 500 kg di CO2 eq;
– per 1 ton di vetro il risparmio è di 300 kg di CO2 eq.
– per 1 ton di sfalci e potature avviati al compostaggio il risparmio è di 700 kg di CO2 eq;   

RISPARMIO DI PETROLIO
Ora vediamo come convertire il risultato ottenuto, che sarà in tonnellate di CO2 risparmiate, in barili di petrolio risparmiati.

1 tonnellata equivalente petrolio (tep) equivale ad emissioni serra pari a 2,81 tonnellate di anidride carbonica.  (quindi 1 ton di CO2 = 0,355 tep)
Moltiplicando le tonnellate di CO2 risparmiate per 0,355 si ottengono dunque le tep risparmiate.

Consideriamo ora che 1 barile di petrolio contiene 159 litri e vale circa 70 euro; ne consumiamo in media 1 a testa al mese, in Italia.
Quindi dividendo le tep risparmiate per i 159 litri di 1 barile (pari a 0,159 ton) si ottengono i barili risparmiati (che corrispondono anche al numero di persone che li consumano mensilmente) e moltiplicando per 70 euro abbiamo il loro valore economico (secondo il costo attuale al barile).

RISPARMIO ECONOMICO
Per fare questo occorre che ciascuno si informi sul costo di smaltimento al kg dei rifiuti nel proprio Comune; poi è sufficiente moltiplicare tale costo per i kg raccolti in un anno e si ottiene il risparmio per la comunità locale nello smaltimento dei rifiuti.

State of the future 2008

3554435.jpgSecondo lo studio State of the future 2008 elaborato dal Millennium Project delle Nazioni Unite il mondo, grazie alle trasformazioni portate da Internet, dalla scienza, dalla medicina, è sulla soglia di un avvenire prospero, pacifico e migliore del passato per la maggior parte dei suoi abitanti, se solo non sprecherà questa opportunità a causa di degrado ambientale, ineguaglianza e violenza.

 

Ma il futuro non è ancora scritto… dipende anche da noi!