Casa, dolce casa…

La casa per una famiglia non è un edificio come tutti gli altri. Oltre al suo scopo pratico ricopre anche un ruolo simbolico ancestrale!

Dovrebbe essere il luogo della serenità, della sicurezza, della pace

E invece, secondo L’Agenzia Europea per l’Ambiente, l’edilizia è oggi in Europa il principale responsabile dell’inquinamento dell’aria da particolato primario, persino più del settore dei trasporti (che comunque si difende assai bene).

E l’inquinamento indoor -all’interno delle nostre abitazioni- può essere addirittura maggiore, da 5 a 10 volte, di quello esterno!

Per non parlare dei problemi legati alla sicurezza sismica, che ci portano troppo spesso a piangere le vittime dei terremoti e riscontrare enormi danni materiali.

Ecco perché, quando circa tre anni fa ho deciso di costruire casa, ho cercato di mettere in pratica tutte le conoscenze che avevo acquisito in anni di studio e di approfondimento sull’ecologia: dalla sicurezza antisismica alla qualità dell’aria, dal risparmio energetico e uso di fonti rinnovabili all’impiego di materiali naturali

In questo servizio realizzato per gli amici di “People For Planet” ho cercato di raccontare le principali scelte fatte per la sostenibilità nella costruzione della mia casa in legno.

Scelte -facilmente replicabili- che, oltre a tutti gli altri benefici, hanno anche portato ad un enorme risparmio economico!

Ad EcoFuturo arriva la “Social Academy”

Blogger, youtuber, social influencer… diventate insieme a noi protagonisti della rivoluzione delle ecotecnologie che sta cambiando il mondo!!!

Partecipate alla “EcoFuturo Social Academy” che abbiamo lanciato in collaborazione con Alcatraz, People For Planet e Fondazione Fenice: una ricca occasione di formazione (gratuita) insieme ad importanti esperti di comunicazione social, all’interno del Festival EcoFuturo.

Avrete la possibilità di raccontare in diretta, ciascuno attraverso i propri canali e con il proprio stile personale, gli straordinari contenuti del Festival, che si terrà quest’anno dal 18 al 22 luglio al FeniceGreenEnergy Park di Padova.

Vi aspettiamo! Inviateci una mail

Come sprecare acqua… per salvare il mondo!

Altro che “risorsa”, come la chiamano i buonisti nostrani, l’acqua è straniera nel nostro pianeta (probabilmente pure clandestina) ed è ormai divenuta un vero problema, una terribile invasione da cui occorre liberarsi!!!

Ciascuno deve fare la propria parte e qui voglio offrirvi alcuni consigli pratici per sprecarla nel modo più efficace possibile, a partire dai nostri consumi quotidiani.

Maledetta burocrazia

Insieme proviamo a liberarci dalla zavorra che ci fa impazzire e che frena le potenzialità del Paese!

Coraggio, possiamo farcela!!!

Non voglio scrivere nulla. Per scaramanzia, ma anche per l’emozione che in queste ore mi toglie il fiato e mi fa sognare un domani diverso per il nostro paese. Lascio la parola alle immagini… ci ritroviamo domani sera.

 

 

Le multe al contrario…

dal blog di Marco Boschini

 

A Corchiano (VT) ne inventano una al giorno, o quasi… In occasione della seconda edizione della “Settimana nazionale di Porta la sporta!”, per sensibilizzare l’opinione pubblica e accompagnare il divieto di utilizzo delle borse di plastica monouso, il Comune ha pensato bene di lanciare una sfida a tutta la comunità, coinvolgendo in primis gli alunni delle scuole del paese.

corchiano_addio_al_cassonetto.jpg

La competizione vedrà come protagonisti i bambini e i ragazzi, ma anche gli adulti nei loro ruoli quotidiani. Ebbene, “Porta la sporta, ultima sfida” avrà una durata di cinque settimane, dal 2 di marzo al 6 aprile.

In questo periodo, gli alunni, con l’ausilio dei loro genitori e dei loro nonni, dovranno accumulare più ecoeuro possibili da inserire negli appositi box collocati nelle aule scolastiche e nella biblioteca comunale.

Gli ecoeuro si otterranno soprattutto andando a fare la spesa con la sporta presso i negozi aderenti al circuito.

Ma che cos’è l’ecoeuro? Una cartamoneta coniata del Consiglio comunale dei ragazzi, pensata in origine per consentire lo scambio tra comportamenti virtuosi delle famiglie e prodotti ecologici e del commercio equo e solidale.

Che cosa prevede il regolamento? Le classi partecipanti dovranno nominare un responsabile, che si rapporterà con il Comune e si farà garante del progetto. Sul piano pratico, si ottiene un ecoeuro ogni cinque euro di spesa.

Sarà possibile accumulare ecoeuro anche con la pratica quotidiana di comportamenti virtuosi. Tra questi, leggere libri presi in prestito dalla biblioteca comunale, richiedere presso la Bottega delle buone pratiche locali le compostiere domestiche per la gestione della frazione umida dei rifiuti oppure le chiavette ricaricabili per le fontanelle dell’acqua, raccogliere l’olio della frittura nell’apposito contenitore per poi avviarlo alla trasformazione in biocarburante. E ancora, consegnare le pile ormai esauste ai volontari della Bottega delle buone pratiche…

Tornando ai protagonisti, si dimentica qualcuno? I vigili urbani. Sì, proprio loro, che in questo progetto andranno a svolgere un ruolo importante e molto delicato. Accompagneranno infatti i ragazzi nel loro percorso con attenzione e solerzia, consigliando e, perché no, elevando verbali.

w3_5%231-1.JPGProprio così! Al bambino che sarà colto in flagranza di… buona pratica, ovvero sorpreso a praticare comportamenti virtuosi, come ad esempio raccogliere una bottiglia di plastica o della carta da terra, verrà elevato un verbale di virtuosità, dove saranno riportati il nome, la descrizione della buona pratica “commessa” e le firme dell’agente e del bambino buon praticante.

Alla fine della gara usciranno vincitrici le classi, una per l’infanzia, una per le elementari e una per le medie, che, attraverso la loro attività di sensibilizzazione, otterranno il maggior numero di adesioni, ricevendo dal Comune un premio di 2mila euro che andrà per l’acquisto di materiale didattico.

Vigili che danno multe al contrario, scarti alimentari che si trasformano in biocarburante, adolescenti che coniano ecomonete, amministratori che governano con buonsenso. Questa è Corchiano (VT), il comune più virtuoso d’Italia!

 

» E’ proprio un gran bel film! .» “Corchiano non è sulla luna… ma è fra le stelle!!!
» L’altra Italia esiste
.» A Rai Uno Mattina, fra i virtuosi di Bisignano…