Bambini e carcerati

Una proposta creativa per restituire ai nostri figli un sano rapporto con la Natura e aiutarli a riscoprire il piacere di leggere…

Arriva l’onda! Un’alleanza per i beni comuni

Cari amici e amiche, il momento è giunto, finalmente il “sogno” prende forma!!! Sono davvero entusiasta!

Gli amici amministratori virtuosi, nel pieno spirito del “sogno” e coerentemente con quanto approvato all’ultima Assemblea Federale di “Ecologisti e Reti Civiche-Verdi Europei“, hanno appeno lanciato un appello a costruire un’alleanza per i beni comuni, che sta dilagando in rete e probabilmente uscirà anche in diverse testate nazionali.

snoopy,libro,pagina,cambiamento,politica,momento,tempoChiedo a tutti di contribuire a diffondere questo appello, affinché cresca come una valanga, come un’onda che spazza via tutto il marcio del nostro paese e porta una ventata di aria nuova…

Insieme torneremo a respirare e restituiremo una speranza per il futuro ai nostri figli e nipoti.

Come scrisse il grande poeta Paul Éluard:

“Non verremo alla meta ad uno ad uno ma a due a due.
.Se ci conosceremo a due a due noi ci conosceremo tutti,
.e i figli un giorno rideranno della leggenda nera
.dove un uomo lacrima in solitudine.”

 
 
Ecco il testo dell’appello:

alleanza.beni.comuni

Rivolgiamo questo appello alle cittadine e ai cittadini, alle forze sane e alle realtà civiche e ambientaliste disperse, alle centinaia di amministratori locali, che da troppo tempo manifestano l’urgenza di agire per cambiare questo paese, ma che non riescono a trovare una sintesi politica e dare vita ad un’unico progetto con ambizioni di governo e che sappia essere realmente attrattivo e credibile per gli elettori.

Le prossime elezioni, probabilmente, vedranno una contesa tra poli costruiti e strutturati attorno alla cosiddetta Agenda Monti. Qualcuno persegue in maniera molto chiara il Monti Bis, altri si definiscono alternativi ma sono in realtà portatori delle stesse ricette, ormai provate e riprovate, che non possono essere la soluzione alla crisi economica, ambientale e morale del paese.

Ma esiste lo spazio per un’alternativa?

Se esiste, e noi siamo convinti che esista, questo è il momento di costruirla.

Un’alternativa che sappia indicare una nuova strada verso la riconversione ecologica dell’economia, che trovi in essa nuove opportunità di lavoro, abbandonando il vigente e dominante modello di sviluppo che sta privatizzando i beni comuni, e annullando i diritti delle persone, compresi quelli sanciti dalla Costituzione;

benecomunebann.jpgche sappia essere un vero attrattore ed incarnare le aspettative della miriade di movimenti locali, ambientalisti e solidali che animano e difendono i territori e che promuovono la cultura della pace e della convivenza civile;

che voglia riprendere e rilanciare la vittoria referendaria del 2011 chiedendo il rispetto del voto dei 27.637.943 di italiani che hanno detto SI all’Acqua Pubblica e No al Nucleare e che sia protagonista anche della prossima sfida referendaria sul lavoro;

….

Continua a leggere nel blog  alleanzabenicomuni.wordpress.com/

Inizia la scuola, ma non per tutti

Lunedì per mio figlio Francesco sarà il primo giorno di scuola, è emozionatissimo; sua sorella Eleonora incomincerà invece la quinta elementare.

E’ stupendo osservarli, tutti presi nella preparazione degli zaini, degli astucci, dei pennarelli…

Potete dunque immaginare quali emozioni io abbia provato leggendo questa lettera, inviata da una mamma al Comitato Donne per Taranto, e perché abbia deciso di condividerla con tutti voi attraverso questo blog.

donne,taranto,parma,diossina,pil,salute,figlio,lavoro,vita,comitato“Scrivo da Parma in uno dei miei soliti viaggi della Vita per curare mio figlio da un male che sappiamo tutti avere una causa ambientale.

Le ragioni che cercano di impormi non mi bastano, io so solo che mio figlio oggi non ha potuto iniziare la sua PRIMA MEDIA e il suo zaino nuovo (“perchè ora sono grande mamma!”) comprato con tanto entusiasmo è rimasto nella sua cameretta che ormai vede così raramente perchè è sempre in corsie d’ospedale.

E’ questa la vita che vogliono imporci? E’ questa la vita che vogliono dare ai nostri figli? Siamo ancora disposti a far pagare a loro la nostra incapacità di tutelarli fino in fondo?

Io non ci sto e per il mio ometto lotterò fino allo stremo delle forze perchè a lui venga ridata la Vita e agli altri bambini di Taranto non gli venga mai più negata.

Non ci sono ragioni che tengano: la salute di mio figlio non vale il posto di un operaio, nè il pil che vogliono far girare. Provi qualcuno a dirmi ancora questa cosa e gli farò vedere le braccia di mio figlio!

Lui oggi doveva essere tra i banchi di scuola e non con una flebo nel suo debole e fragile braccino.

Grazie per tutto ciò che fate per noi, non stancatevi di lottare e fatelo anche per il mio piccolo ometto”.
.
Io mi domando, come faceva anche Bob Dylan nella splendida Blowin’ in the wind: quante volte un uomo può voltare la testa fingendo di non vedere?”

“Ma tu come fai?”, genitori insieme per educare con la testa e col cuore

 

MaTuComeFai.jpg

Essere genitori non è affatto facile.
Non esistono scuole dove ti insegnino come diventarlo, si impara sulla propria pelle, sulla propria fatica.

Ma alle volte è anche terribilmente bello!!!

Se solo ci fosse qualcuno a cui poter chiedere “Ma tu come fai?”, sentiremmo che non siamo soli ad avere certi problemi e magari, il semplice fatto di raccontarsi, aprirebbe spiragli che non riusciamo neppure ad immaginare.

Dopo il successo dell’anno scorso, anche quest’anno vorremo poter offrire ai genitori del nostro territorio questa possibilità.

Con rispetto, attenzione e professionalità.

Affinché essi possano cominciare a confrontarsi, a cercare insieme le soluzioni possibili ai problemi comuni, a valorizzare le proprie esperienze e valutarle criticamente, con la mediazione di chi si occupa professionalmente di educazione.

Il percorso formativo, al quale io porterò un contributo nell’Area della “educazione ai valori”, è promosso dalle Cooperative Kaleidos e RicercAzione e si terrà a Faenza a partire da fine novembre.

 
Per saperne di più scarica qui il programma completo del corso e il calendario degli incontri.

 

» Perché voi fate proprio quello che ci dite di non fare? » La teologia del vento » Il valore della diversità

“Perché voi fate proprio quello che ci dite di non fare?”

 

Mi convinco sempre di più, come educatore e come padre di due figli, che in educazione nulla è tanto importante quanto l’esempio, la testimonianza vissuta.

 

I nostri figli non ci ascoltano, ci osservano. E lo fanno costantemente, anche quando noi ce ne dimentichiamo, presi da altre cose.

 

Il lavoro principale di un educatore, e credo anche di un genitore, non è tanto sugli altri quanto su se stesso.

 

La testimonianza coerente mostra il cammino, indica un modello possibile. Indica, ovviamente, non impone…

 

Talvolta però, quando riusciamo ad ascoltare davvero i nostri bambini e ragazzi, la loro sincerità disarmante ci mette a nudo e potremmo dire che sono loro ad educarci, offrendoci una testimonianza che ci interpella e ci costringe a riflettere su noi stessi.

 

Questo dovrebbe valere non solo a livello individuale, ma anche sociale, collettivo. A tale proposito mi ha fatto molto riflettere questo video stupendo che ho trovato in rete e che oggi voglio condividere con voi.

 

Ci mostra una bambina di 12 anni, Severn Suzuki, che nel 1992 zittì il mondo per 6 minuti, in un indimenticabile discorso tenuto davanti alle Nazioni Unite.

 

La profondità e la forza di queste parole possono insegnarci molto ancora oggi!