Immaginare la libertà e … liberare l’immaginazione

L’educazione non dovrebbe ingabbiare, ma liberare!!!

Come ha detto il grande regista Silvano Agosti: “Il vero schiavo difende il padrone, mica lo combatte. Perché lo schiavo non è tanto quello che ha la catena al piede quanto quello che non è più capace di immaginare la libertà.
Allora, intanto uno non deve mettere i fiorellini alla finestra della cella della quale è prigioniero perché sennò un giorno, anche se la porta sarà aperta, lui non vorrà più uscire…”

colorare-dentro-marginiInsegnare a colorare dentro ai margini può apparirci la cosa più innocente e normale del mondo, perché tutti l’abbiamo sperimentato da bambini (e forse aiuta anche ad acquisire una competenza nella manualità) ma rischia di essere un po’ come un invito a rimanere dentro gli schemi e a “mettere i fiorellini alla finestra della cella”.

ignoriamo-contorniProviamo a chiedere ai nostri bambini cosa piacerebbe loro disegnare.
Poi offriamo loro dei fogli con i classici “disegni da colorare”, diversi però rispetto ai loro desideri.

(Ovviamente i fogli dovranno essere stampati fronte e retro, altrimenti basterebbe voltarli per avere una pagina bianca.)

A questo punto spieghiamo loro che il “gioco” consiste nell’ignorare i contorni e sentirsi comunque liberi di disegnare e colorare -usando tutto il foglio- quello che vogliono e come meglio credono!

Se vogliamo creare una società felice, educhiamo alla libertà e alla creatività!

.

Immaginare la libertà e … liberare l’immaginazioneultima modifica: 2014-11-14T16:02:45+01:00da micheledotti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento