L’Africa in prima linea contro la pena di morte!

nkurunziza..jpgA pochi giorni di distanza dalla storica decisione del Parlamento del Burundi -e dal 60° Anniversario della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo- ora anche il Togo ha deciso di abolire la pena capitale sul proprio territorio.

 

Si tratta di una positiva accelerazione di un processo già in corso, la cui tendenza è ormai chiara da tempo.

 

Fa impressione infatti pensare che ancora nel 1977 erano solo 16 i paesi che avevano abolito la pena di morte per tutti i reati, mentre oggi sono 135 i paesi o i territori che hanno deciso di abolirla per legge o in pratica, cioè oltre i due terzi degli stati del mondo.

Dal 1976 ad oggi, secondo Amnesty International, una media di tre nuovi Paesi ogni anno ha aggiunto il proprio nome alla lista dei paesi che hanno abolito la pena di morte. La maggioranza delle nazioni ha posto termine alla pena capitale nella legislazione o nella prassi.

 

Per approfondire questo tema puoi leggere l’articolo che ho da poco scritto per la sezione “buone nuove” del sito Peace Reporter.

L’Africa in prima linea contro la pena di morte!ultima modifica: 2008-12-19T23:44:00+01:00da micheledotti
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “L’Africa in prima linea contro la pena di morte!

  1. Caro Michele, è sempre un piacere aprire il tuo blog è respirare un po’ d’aria fresca, capire che anche noi, nel nostro piccolo, possiamo fare qualcosa e che quel qualcosa, aggiunto a quello di molti altri, alla fine conta!
    A proposito di “campagna contro la pena di morte” credo che si possa dire che siamo alla stretta definitiva, ma dobbiamo dare l’ultima spinta.
    Per questo ho portato nel Consiglio Comunale di Cotignola la proposta di aderire alla Campagna promossa dalla Comunità di Sant’Egidio “Cities for life” a cui aderiscono già oltre 1.000 amministrazioni in 70 Paesi che danno evidenza a questo tema nella loro campagna di comunicazione pubblica. Se conoscete qualcuno impegnato come consigliere comunale o come amministratore pubblico fatelo presente anche perchè non costa niente!!

  2. Grazie Antonio!

    Sono d’accordo con te, per quanto riguarda la pena di morte siamo alla stretta definitiva, ma non sarà facile conquistare gli ultimi irriducibili (Cina, Iran, Stati Uniti…).
    Ad ogni modo, la storia è dalla nostra parte e anche loro non potranno certo fermarla!

    Per questo assumono un’importanza enorme le iniziative come quella promossa dalla Comunità di Sant’Egidio che tu hai portato nella tua città.

    Se in ogni città ci fosse un amministratore che fa altrettanto, la pressione sarebbe ancora più forte!

    Per cui rinnovo il tuo l’appello Antonio:
    “Caro amministratore, se ci sei, batti un colpo”.

    Non costa nulla, ma può essere molto importante!

Lascia un commento