Non importa da dove veniamo, importa dove stiamo andando!

 

locandinaLentoFestival.jpg

Dopo gli ultimi incontri a Massa Marittima, ospite della Lista Civica “Massa Comune” e a Colle Val d’Elsa con l’Associazione “il Telaio“, venerdì sono stato a Treviso, su invito del Meet-Up locale “Fare Treviso” sempre per presentare “L’anticasta”.

 

E’ stata per me l’occasione per scoprire, ancora una volta, tante esperienze straordinarie, fra cui il più grande Gruppo di Acquisto di fotovoltaico d’Italia, che è arrivato a raccogliere, un poco per volta, oltre 700 famiglie!!!

 

Questo sabato, 26 giugno, mi preparo a partire per Empoli, dove  condurrò un Laboratorio sulla comunicazione ecologica ed efficace all’interno del mitico Lentofestival.

 

gomez-travaglio.gifMercoledì 7 luglio alle 20,30 sarò a Fusignano, per presentare “L’anticasta” in apertura del secondo Meeting dell’informazione libera “Il grido della farfalla; dopo di me, sullo stesso palco, Antonio Padellaro, Marco Travaglio e Peter Gomez parleranno de Il Fatto Quotidiano in un incontro dal titolo Buona editoria o giornale farabutto?”

 

Venerdì 9 luglio sarò a Castagneto Carducci, ospite di “La Sinistra per Castagneto”, che sta cercando di promuovere sul proprio territorio percorsi partecipativi virtuosi. Negli stessi giorni andranno a Castagneto anche gli amici Domenico Finiguerra e Alessio Ciacci.

 

Lunedì 26, insieme a Marco Boschini, saremo alla Festa de l’Unità di S.Lucia di Faenza per riflettere insieme sulle prospettive future dei Comuni virtuosi.

 

Lunedì 9 agosto sarò a Viserba per l’incontro Ponti della speranza: un mondo diverso“, presso il Teatro della Parrocchia “Santa Maria”.

 

L’estrema varietà degli ambiti nei quali sono invitato per portare un contributo di idee mi rallegra e mi fa pensare che al di la dei percorsi diversi che ciascuno ha alle proprie spalle si stia definendo poco per volta un orizzonte ampiamente condiviso, un medesimo sogno di società che vorremmo.

 

Avere una stessa meta permette di immaginare un cammino comune, perché -come cantano i Modena City Ramblers riprendendo le parole del grande poeta Luis Sepulveda– “i sentieri giusti vanno percorsi insieme”.

 

E soprattutto “alla meta arriviamo cantando, o non arriva nessuno…”


Insomma, non importa da dove veniamo, importa dove stiamo andando.

Questo è fondamentale perché il sogno possa diventare realtà!

 

 

Non importa da dove veniamo, importa dove stiamo andando!ultima modifica: 2010-06-21T21:07:00+02:00da micheledotti
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Non importa da dove veniamo, importa dove stiamo andando!

  1. Michele complimenti, il tuo sito ha sempre dei bellissimi e utilissimi contenuti….e le tue iniziative sono quantitativamente e qualitativamente sempre migliori……mi è dispiaciuto aver saputo in ritardo che venivi a Treviso, perchè mi sarebbe piaciuto conoscerti di persona…..comunque continuo a seguirti tramite la tua newsletter e il sito……complimenti ancora e continua così, nel mio piccolo mi unisco alle tue cause……

    ciao
    Gianni

  2. Ciao michele, innazitutto complimenti vivissimi per il blog.

    Ieri sera ero alla presentazione dell’Anticasta a Fusignano e ciò che hai detto mi ha colpito davvero.
    Viviamo in un Paese che non crede più in se stesso, e scoprire che ci sono piccole realtà vicine a noi che stanno cambiando le cose è stata una ventata di aria fresca… Tra manovre, tagli, nodi e bavagli, respirare sta diventato un miraggio per pochi sognatori…
    Se posso darti un consiglio, io darei un’occhiata a Twitter. E’ davvero colmo di ragazzi come noi che sperano in un futuro migliore. Spero di poterti followare presto. Gianluca

  3. Grazie mille ragazzi!!!

    Il vostro apprezzamento è prezioso e mi incoraggia a continuare nel mio impegno…

    Davvero non mi sento mai solo!!! Ed è una sensazione bellissima.

    Siamo milioni a condividere lo stesso sogno di una società migliore, più onesta e solidale.

    Insieme ce la faremo a ridare dignità e speranza al nostro paese e a tutti i fratelli del pianeta.

    Un abbraccio,

    Michele

Lascia un commento