“Corchiano non è sulla luna”… ma è fra le stelle!!!

logo_5_stelle1258377963.jpg

E’ Corchiano, in provincia di Viterbo, il comune vincitore assoluto del Premio Comuni a 5 stelle 2010, giunto quest’anno alla sua quarta edizione.

Ad annunciarlo è stato Gianluca Fioretti, Presidente dell’Associazione Comuni Virtuosi, al termine della valutazione degli oltre 150 progetti presentati dai 36 comuni iscritti al bando 2010.

Per capire le ragioni di questo premio credo sia sufficiente leggere questo articolo scritto dall’amico Marco Boschini nel suo blog:

 

Corchiano non è sulla luna!

 

“I vigili hanno l’ordine di girare in bicicletta per inquinare meno, e gli scuolabus sono alimentati dal biodiesel derivato dall’olio che usano le nonne dei bimbi per friggere in cucina.

 

Grazie all’ecoeuro, una moneta coniata dal Consiglio comunale dei ragazzi, le famiglie virtuose della comunità acquistano prodotti sfusi senza imballaggi, consumano prodotti locali e di stagione, si scambiano beni e saperi.

 

w3_5%231-1.JPGLa banca che fa affari d’oro si chiama “Banca del racconto”, e gli operatori attivano quelli che chiamano focolari narrativi per non disperdere col tempo l’enorme patrimonio di storia e memoria che portiamo ognuno dentro al nostro percorso di vita.

 

Da un anno il comune si è convinto che il porta a porta non si fa solo in televisione, ma anche in oltre millecinquecento comuni italiani nella gestione dei rifiuti: le cifre di raccolta differenziata sono schizzate all’85%, e già il 20% delle circa 1.500 famiglie ha acquistato una compostiera domestica.

Non contenti, gli amministratori ne hanno creata una di comunità, più grande, dove ogni cittadino può portare scarti alimentari che nel giro di qualche mese si trasformeranno in ottimo fertilizzante per gli orti urbani del paese.

 

Grazie alla fontana pubblica che eroga l’acqua del sindaco, la comunità ha eliminato l’uso (e il trasporto) di circa 200.000 bottigliette da mezzo litro in PET, per non parlare della montagna di flaconi e contenitori vari messi al bando grazie alla vendita di prodotti alla spina (detersivi, alimentari, ecc.).

 

Grazie alle modifiche introdotte nel regolamento edilizio, le case possono essere costruite o ristrutturate a patto che seguano specifiche prescrizione per il risparmio e l’efficienza energetica, e per dare il buon esempio una volta tanto i primi a far qualcosa sono stati proprio gli amministratori, installando impianti fotovoltaici sul tetto del municipio e su quello della scuola.

 

Grazie ad una sorta di gruppo di acquisto comunale, i cittadini hanno la possibilità di accedere ad informazioni, consulenze e supporto per l’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili.

A fare la spesa i cittadini vanno con una sporta riutilizzabile e periodicamente l’amministrazione organizza i mercatini del riuso, dove libri, giocattoli, mobili, vestiti, biciclette… tornano a prendere vita nella vita di altre persone e dove il dono e lo scambio sono la moneta vigente.

Da anni sono attivi percorsi di cooperazione decentrata con la Repubblica Democratica del Congo, grazie alla collaborazione del Comune con diverse realtà associative, e l’amministrazione (oltre a far parte dall’inizio dell’anno dell’Associazione dei Comuni Virtuosi) è tra le promotrici del Coordinamento degli Enti locali per l’Acqua Pubblica.

 

bengasibattisti.jpgIl Sindaco si chiama Bengasi Battisti, e quando lo guardi negli occhi vedi un sacco di cose tutte insieme: futuro, progetti, buonsenso, entusiasmo, serietà, trasparenza. Amministra il Comune di Corchiano, comunità di circa 4.000 abitanti in provincia di Viterbo.

 

Che non è sulla Luna, ma in quest’Italia apparentemente impantanata in una melma di immobilismo e inefficienza che travolge ogni cosa, a partire dalle istituzioni.

 

Vorrei dire a tutti i sindaci italiani (ce ne sono 8.101) che dovremmo tutti quanti prendere esempio dal Comune di Corchiano.

 

Organizzare viaggi di istruzione sul posto, prendere carta e penna e copiare le tante buone idee e altrettante sperimentazioni che questo piccolo comune ha messo in campo da qualche anno.

 

Vorrei dire anche ai tanti scettici e pessimisti che è proprio a partire da questi esempi che possiamo dire, oggi più che mai, che è possibile cambiare perché stiamo già cambiando.

Che si può fare politica con onestà e spirito di servizio, che si può entrare nelle istituzioni e governarle con rispetto e buon senso, efficienza e fantasia.

 

Grazie dunque a Corchiano, al suo sindaco, alla sua classe dirigente per una volta tanto all’altezza, ai cittadini della sua comunità.”

L’altra Italia esiste

Gli interventi di Marco Boschini, coordinatore dell’Associazione dei Comuni Virtuosi e Assessore all’ambiente del Comune di Colorno (PR) e di Antonio Tavani, Sindaco di Fara San Martino (CH), alla trasmissione televisiva “Cominciamo bene estate” di RAI 3.

 

 

blog-michele-ilfatto copy.jpg

I have a dream: il partito del buonsenso e dell’onestà

 

 

Ho fatto un sogno, è meraviglioso e non intendo più svegliarmi.

 

Ho sognato che un bel giorno, un giorno non lontano, stanchi di attendere e sperare in tempi migliori, i settori più attivi della società civile si riuniranno per organizzare tutti insieme il cambiamento politico nel nostro paese, creando un’alternativa credibile, seria, affidabile che tutti gli italiani potranno abbracciare al di là dei rispettivi percorsi politici di provenienza. Un nuovo soggetto politico, estraneo a tutte le vecchie logiche partitiche, né a destra né a sinistra, ma semplicemente “avanti”…

 

Un movimento fondato semplicemente sul “buonsenso”; quanto basta a capire che la raccolta differenziata è mille volte meglio degli inceneritori, che il risparmio energetico e le rinnovabili sono le vere alternative alla follia del nucleare, che le grandi opere servono solo ai grandi affari mentre sono le “piccole opere” quelle che migliorano davvero la vita della gente!

 

Un movimento che sa dire si quando è il momento di dire si e no quando è il momento di dire no, in modo chiaro e comprensibile a tutti: si all’integrazione, al rispetto delle diversità, al pluralismo, alla libertà d’informazione, alla pace. No al razzismo, all’esclusione, al monopolio dell’informazione, alla censura, alla guerra e ad ogni forma di violenza.

 

Sarà così, riflettendo tutti insieme sui contenuti, che i rappresentanti della società civile -raccolti intorno a un tavolo- si accorgeranno di avere fra di loro molti più punti in comune di quanti non ne abbia mai avuti al proprio interno nessun partito nella storia repubblicana. Si renderanno conto cioè di avere creato in tutti questi anni di impegno silenzioso, non soltanto un orizzonte di valori comuni, ma anche un vero “programma” di azioni da realizzare per risollevare il paese, un programma fondato su una visione della società che nessun partito -fino ad ora- ha mai realmente promosso.

 

E così, mostrando una saggezza che non si è mai vista in Italia, questi “leader” di un “movimento senza leader” sceglieranno consapevolmente di fare ciascuno un passo indietro, per poterne fare dieci avanti tutti insieme.

 

Ho sognato che ognuno metterà da parte per un attimo quel pizzico di orgoglio, più che legittimo… direi quasi sacrosanto, per i percorsi meravigliosi che ha creato fino ad ora e rinuncerà alla propria sigla, al proprio nome, al proprio logo, per vederne i contenuti aprirsi all’intera società.

Sarà un atto di coraggio e grandezza d’animo, oltre che di lungimirante umiltà!

Un gesto di portata storica, che aprirà uno scenario nuovo per il paese.

 

E sarà così che in un solo giorno “scompariranno” -per fondersi tutti insieme, invincibili- i Comuni Virtuosi, il Movimento per la Decrescita Felice, le Città della Transizione, i Comuni solidali, le Città del Bio, tutto il mondo del Commercio Equo e Solidale, della Finanza Etica, del Consumo Critico, tutti i Gruppi di Acquisto Solidale, le Associazioni di Volontariato, le ONG, tutte le Liste Civiche e i Comitati spontanei, tutto il Movimento per l’acqua pubblica, gli ambientalisti, quanti si battono contro le mafie, per fondersi in uno straordinario progetto politico unitario ed aprirsi ad ogni singolo cittadino onesto del nostro paese!!!

 

E tutti insieme creeranno il “Partito del buonsenso e dell’onestà”, che inizierà da subito a presentare il proprio programma su internet, nelle piazze, in tutte le riviste della società civile, nei bagni in spiaggia e nelle baite in montagna, nelle liste d’attesa dei pediatri e delle poste, nei pub e ai concerti… spinto dall’entusiasmo di milioni di volontari di ogni età che ritroveranno finalmente il piacere di impegnarsi civilmente per il proprio paese.

 

I sondaggi daranno questo partito al 45%, per cui presto anche le tv non potranno più ignorarlo e la visibilità sarà così moltiplicata.

I tentativi di screditarlo -e ve ne saranno diversi- falliranno miseramente, perché la credibilità delle persone che lo rappresentano è tale che non potrà essere smontata così facilmente.

I migliori esponenti della società civile, infatti, si impegneranno in questa sfida che la storia ha posto sul loro cammino; da padre Zanotelli a Francuccio Gesualdi, da Maurizio Pallante a Marco Boschini, da Riccardo Petrella fino ad arrivare a Don Luigi Ciotti, che verrà scelto all’unanimità come candidato premier.

Il  nome di Don Ciotti raccoglierà subito la fiducia di milioni di cittadini del Sud d’Italia, da decenni esasperati dai ricatti delle mafie, che vedranno in lui finalmente la speranza concreta di liberarsi dalla criminalità organizzata, e così i sondaggi saliranno ulteriormente portando il partito del buonsenso oltre il 53%.

 

Gli altri partiti, terrorizzati, reagiranno come possono, alla vecchia maniera, facendo mirabolanti promesse a cui nessun italiano ormai crede più e insinuando che i rappresentanti del nuovo “partito” non possono essere all’altezza della sfida, troppo inesperti dei meccanismi della politica e dell’economia…

A quel punto però nessuno li ascolterà, né replicherà, perché il “programma di governo” della nuova realtà è ormai chiaro a tutti e soprattutto pare scritto dalla gente, finalmente.

Si taglieranno gli inutili e costosissimi investimenti in armi, così come tutti i vergognosi privilegi della Casta, si riaffermerà con forza il valore della cultura, dell’istruzione pubblica, della sanità pubblica, dell’acqua pubblica, si ridistribuirà finalmente la ricchezza nel paese dopo decenni di accresciuta disuguaglianza, si stringerà un patto di solidarietà fra le generazioni che interromperà quella odiosa “guerra fra genitori e figli” sul piano professionale, sociale ed economico.

 

Liberi dalla paura, così a lungo strumentalizzata per fini elettorali, si ritroverà il piacere di uscire di casa, di stare insieme, di incontrare l’altro. Il razzismo sarà sconfitto dall’amicizia (e quando è il caso anche dall’amore)  promossa da precise politiche volte a favorire l’incontro fra le culture.

Le esperienze virtuose -dopo innumerevoli e conclamati successi- verranno prese a modello per tracciare le politiche nazionali, finalmente improntate su una sana ricerca della felicità, più che sulla assurdità della crescita illimitata del PIL.

 

L’occupazione ripartirà fondata su base più solide, libera dalle fluttuazioni e  dalle speculazioni della finanza e più concretamente incentrata sull’economia reale, sull’energia verde, sugli scambi locali, sulla solidarietà. Una solidarietà che andrà anche oltre le frontiere affrontando le sfide globali della fame, della sete, dell’analfabetismo, del lavoro minorile, con la necessaria efficacia.

 

Ho sognato che la stragrande maggioranza degli italiani -gente onesta che si alza la mattina per andare a lavorare, fa la fila in posta, rispetta il rosso al semaforo- troverà nel “Partito del buonsenso e dell’onestà” il proprio riferimento naturale alle elezioni, e milioni di cittadini che avevano abbandonato il voto perché esasperati e delusi, ritorneranno alle urne non dovendo più scegliere il “meno peggio”, ma potendo finalmente scegliere il “meglio”!

E così alle elezioni sarà un vero trionfo e la gente tornerà a sorridere, libera da quel velo grigio che impedisce oggi di guardare al futuro con speranza e serenità.

 

Le divisioni ideologiche presto saranno dimenticate e i nostri nipoti un giorno non riusciranno a capire, studiando la storia sui libri di testo, come noi abbiamo potuto impiegare tanto tempo prima di renderci conto di avere la forza necessaria e le capacità sufficienti per realizzare questa rivoluzione pacifica, prima di divenire consapevoli che questo sogno poteva davvero divenire realtà.

Non importa da dove veniamo, importa dove stiamo andando!

 

locandinaLentoFestival.jpg

Dopo gli ultimi incontri a Massa Marittima, ospite della Lista Civica “Massa Comune” e a Colle Val d’Elsa con l’Associazione “il Telaio“, venerdì sono stato a Treviso, su invito del Meet-Up locale “Fare Treviso” sempre per presentare “L’anticasta”.

 

E’ stata per me l’occasione per scoprire, ancora una volta, tante esperienze straordinarie, fra cui il più grande Gruppo di Acquisto di fotovoltaico d’Italia, che è arrivato a raccogliere, un poco per volta, oltre 700 famiglie!!!

 

Questo sabato, 26 giugno, mi preparo a partire per Empoli, dove  condurrò un Laboratorio sulla comunicazione ecologica ed efficace all’interno del mitico Lentofestival.

 

gomez-travaglio.gifMercoledì 7 luglio alle 20,30 sarò a Fusignano, per presentare “L’anticasta” in apertura del secondo Meeting dell’informazione libera “Il grido della farfalla; dopo di me, sullo stesso palco, Antonio Padellaro, Marco Travaglio e Peter Gomez parleranno de Il Fatto Quotidiano in un incontro dal titolo Buona editoria o giornale farabutto?”

 

Venerdì 9 luglio sarò a Castagneto Carducci, ospite di “La Sinistra per Castagneto”, che sta cercando di promuovere sul proprio territorio percorsi partecipativi virtuosi. Negli stessi giorni andranno a Castagneto anche gli amici Domenico Finiguerra e Alessio Ciacci.

 

Lunedì 26, insieme a Marco Boschini, saremo alla Festa de l’Unità di S.Lucia di Faenza per riflettere insieme sulle prospettive future dei Comuni virtuosi.

 

Lunedì 9 agosto sarò a Viserba per l’incontro Ponti della speranza: un mondo diverso“, presso il Teatro della Parrocchia “Santa Maria”.

 

L’estrema varietà degli ambiti nei quali sono invitato per portare un contributo di idee mi rallegra e mi fa pensare che al di la dei percorsi diversi che ciascuno ha alle proprie spalle si stia definendo poco per volta un orizzonte ampiamente condiviso, un medesimo sogno di società che vorremmo.

 

Avere una stessa meta permette di immaginare un cammino comune, perché -come cantano i Modena City Ramblers riprendendo le parole del grande poeta Luis Sepulveda– “i sentieri giusti vanno percorsi insieme”.

 

E soprattutto “alla meta arriviamo cantando, o non arriva nessuno…”


Insomma, non importa da dove veniamo, importa dove stiamo andando.

Questo è fondamentale perché il sogno possa diventare realtà!

 

 

A Rai Uno Mattina, fra i virtuosi di Bisignano…

L’ultima delle puntate che in questa stagione Rai Uno Mattina ha dedicato alle esperienze dei “Comuni Virtuosi” ci ha condotto a Bisignano (CS), dove è prevista per sabato 4 settembre la cerimonia di premiazione della quarta edizione del Premio Comuni a 5 stelle.

Per il secondo anno consecutivo il Comitato direttivo dell’Associazione ha infatti deciso di mettere al centro il Sud Italia, per dimostrare che proprio dal Sud può arrivare una risposta chiara, concreta ed efficace di rinascita del Paese.
Del resto il caso di Camigliano (CE) e l’esempio di trasparenza, onestà e rigore della sua classe dirigente sono lì a dimostrarcelo!

 

Tutti i Comuni d’Italia hanno tempo fino al prossimo 30 giugno per presentare uno o più progetti nelle cinque categorie del Premio: gestione del territorio, impronta ecologica, rifiuti, mobilità, nuovi stili di vita.

 

Una giuria composta da esperti del settore, giornalisti e personalità del mondo della cultura e delle istituzioni, stileranno una graduatoria finale e designeranno gli enti locali vincitori.

E’ stato un onore per me chiudere questa serie di servizi su Rai Uno con un breve intervento a nome dell’Associazione dei Comuni Virtuosi.

 

“Nuntio vobis gaudium magnum: habemus probum”

Finalmente è arrivata la fumata bianca! Abbiamo il Comune Virtuoso del 2009…

 

Il vincitore assoluto del Premio Comuni a 5 stelle, giunto quest’anno alla sua terza edizione è il comune di Bra in provincia di Cuneo.

 

logo5stelle.jpg

Ad annunciarlo è il Presidente dell’Associazione Comuni Virtuosi Gianluca Fioretti, al termine della valutazione degli oltre 170 progetti presentati dai 55 comuni iscritti al bando 2009.

 

La giuria, composta da amministratori locali, giornalisti ed esperti in campo ambientale, ha ritenuto di premiare la qualità e la trasversalità delle proposte messe in campo dal Comune di Bra, in tutte e cinque le categorie del Premio.

 

La giuria ha anche proclamato i 5 vincitori nelle rispettive categorie:

 

– Gestione del territorio: Santa Caterina dello Ionio (CZ)

– Impronta ecologica: San Benedetto del Tronto (AP)

– Rifiuti: ex equo Mercato San Severino (SA) e Pettorano Sul Gizio (AQ)

– Mobilità: Castelfranco Veneto (TV)

– Nuovi stili di vita: Sasso Marconi (BO)

 

Il Comune di Bra si è aggiudicato l’attivazione di un progetto sperimentale di mobilità sostenibile, che verrà donato dall’azienda partner del Premio Comuni a 5 stelle 2009 “Ecomotion“.

 

La cerimonia di premiazione avverrà domenica 22 novembre, a partire dalle ore 10.00, presso il Comune di Camigliano (CE), all’interno di un ricco programma culturale promosso dall’amministrazione comunale.

 

L’anno scorso, alla premiazione che si teneva a Capannori, eravamo gli unici con una video-camera. Proprio da lì  è partita la nostra video-inchiesta “Viaggio nell’Italia dei Comuni a 5 stelle“, da cui poi è nata l’idea del libro “L’anticasta“.

 

Dopo un solo anno, questa volta credo proprio che saremo in buona compagnia…

 

 

>> L’anticasta da Fabio Fazio

>> Domani L’anticasta a Geo & Geo, RAI3

>> Gli interventi di alcuni “compagni di viaggio”

>> La “foresta che cresce” sta iniziando a fare rumore!

>> Una finestra nazionale

>> Sindaco, c’è posta per te…

L’ANTICASTA da Fabio Fazio!

Dopo l’intervento di martedì a Geo&Geo, in cui Marco ha presentato a Sveva Sagramola l’esperienza dei Comuni Virtuosi, che insieme abbiamo cercato di raccontare nel nostro libro “L’anticasta“, questa sera Luca Mercalli ha presentato il libro da Fabio Fazio in una delle più importanti vetrine per i libri di tutta la tv italiana!

 

La foresta che cresce fa sempre più rumore…

 

 

 

>> Domani L’anticasta a Geo & Geo, RAI3

>> La “foresta che cresce” sta iniziando a fare rumore!

>> Con L’anticasta la EMI vince il “Premio Green” al Pisa Book Festival

>> Una finestra nazionale