Solidarietà ai potenti

“Ho conosciuto un uomo povero, ma talmente povero che aveva solo i soldi…”

Non ti azzardare!

Per favore, smettiamo di chiamarlo “gioco”!!!

Ho cercato di raccogliere in pochi minuti i numeri impressionanti dell’azzardo in Italia, i danni che questo causa a tutti i livelli e una possibile spiegazione del fenomeno, legata alle povertà prevalentemente sul piano relazionale…

E se proprio non aveste 4 minuti per vedere il video, in via del tutto eccezionale, vi pubblico anche i bignami… ringraziando Stefano D’ambrosio -un “artigiano della formazione”, come ama definirsi- che ha voluto farmi una sorpresa e trarre da questo video un bellissimo disegno, cogliendone perfettamente i concetti principali!

STED-AZZARDO

 

150 anni e non sentirli…

Ho letto molta, anzi troppa facile ironia su questo 150° Anniversario dell’Unità d’Italia. Come sparare sulla Croce Rossa, di questi tempi.

festa-unit%C3%A0-italia.jpg


Io, in tutta sincerità, non sono mai stato animato da un particolare spirito patriottico, a meno che per Patria non si intenda il pianeta intero, nel qual caso come “cittadino del mondo” mi sento subito chiamato in causa, animato da uno spirito di profonda fraternità umana universale!

Trovo tuttavia che il modo migliore per portare rispetto a quanti si sono battuti e sacrificati nel passato sia di continuare a impegnarsi per portare avanti e rendere sempre più concreto il loro sogno di un Paese unito e migliore.

Voglio quindi rilanciare in questa ricorrenza il testo del “Patto per l’Italia”, che ho visto nascere nell’ottobre scorso a Teano, nel luogo dello storico incontro fra Garibaldi e Vittorio Emanuele, in un bellissimo incontro della società civile italiana.


L’Italia che sognamo e che vogliamo costruire:

1) È l’Italia che garantisce a tutti suoi abitanti un minimo vitale, un reddito di cittadinanza, che valorizza il lavoro e la produzione di beni socialmente utili e compatibili con l’ambiente, a partire dai valori e diritti fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione;

2) È l’Italia che accoglie il profugo, lo straniero perseguitato, disperato, costretto all’emigrazione da guerre e disastri ambientali, da un’economia globale escludente e punitiva con i più deboli. Un Paese aperto al mondo, accogliente, multiculturale.

3) È l’Italia che protegge, cura e preserva, per le generazioni future, il suo straordinario patrimonio culturale, storico, architettonico. È il Paese dei paesaggi armoniosi, costruiti attraverso un secolare e paziente interscambio tra uomo e natura. È l’Italia della co-creazione, tra l’attività umana e questa Terra che ci è stata prestata.

4) È l’Italia che riduce i consumi, lo spreco, e valorizza il riciclaggio degli scarti di lavorazione, mentre combatte il riciclaggio del denaro “sporco”. È il Paese delle energie rinnovabili, del risparmio energetico, della sovranità energetica ed alimentare.

5) È l’Italia dei mille prodotti tipici, della biodiversità agricola, gastronomica, culturale. È il Paese dalle mille reti solidali tra produttori e consumatori, che costruiscono ogni giorno un altro mercato, equo e solidale, con il lavoro e l’ambiente.


6) È l’Italia che si fa amare in tutto il mondo nel campo dell’arte, della cultura, della scienza, dello sport. Il paese del bello e/è buono, della ricerca scientifica finalizzata al miglioramento della qualità della vita, della cultura come bene comune accessibile a tutti. L’Italia che evita la fuga dei giovani all’estero. L’Italia unita come punto di riferimento della più vasta comunità euro mediterranea da costruire nel prossimo futuro.

7) È l’Italia della pari dignità tra uomo e donna, della condivisione delle responsabilità pubbliche e private, tra il femminile ed il maschile che ha reso così ricca ed affascinante la vita su questo pianeta. È il Paese del legame forte e solidale tra vecchie e nuove generazioni, che vede nell’anziano una risorsa di saperi e utilità sociali e nei giovani una pianta che ha diritto a crescere  in un terreno fertile e ricco d’acqua. 

8) È l’Italia della pace e della solidarietà e cooperazione, che si batte a livello internazionale perché la guerra sia messa al bando, il disarmo reale liberi risorse umane e finanziarie per sostenere le popolazioni più deboli, per ripristinare l’habitat degradato. È il Paese che lotta affinché sia abolita in tutto il mondo la pena di morte (Usa e Cina inclusi), perché la tortura sia messa al bando, perché le carceri siano un luogo di recupero e non un girone dell’inferno. 

9) È l’Italia che rispetta la memoria delle sue vittime, che pretende la verità e la trasparenza nella gestione della res publica. È l’Italia dei mille Comuni, dove si pratica una democrazia partecipata, dove i cittadini sono soggetti attivi e responsabili, dove la scuola ha un valore fondamentale e al prezioso lavoro dei suoi operatori è riconosciuta la giusta mercede e dignità.

10) È l’Italia di Falcone e Borsellino, di Don Diana e Peppino Impastato, di Peppe Valarioti e Ciccio Gatto, e  di migliaia di cittadini e servitori dello Stato che hanno perso la vita per non cedere al ricatto dei poteri mafiosi e di quelli occulti. È il Paese all’avanguardia nella lotta contro la nuova borghesia criminale che sta conquistando il pianeta con i suoi capitali insanguinati che sono arrivati a dominare interi Stati ed istituzioni locali e internazionali.

Come è stato in principio…

Dal documentario “Suonando per il cambiamento: la Pace attraverso la musica” una straordinaria interpretazione del celebre brano “One love” di Bob Marley eseguita da musicisti di tutto il mondo.

 

 

“There is one question I’d really love to ask—-“C’è una sola domanda che davvero vorrei fare

Is there a place for the hopeless sinner—.-–..-Esiste un posto per il peccatore senza speranza

Who has hurt all mankind—–—–—–—–—-Che ha ferito tutta l’umanità

Just to save his own—–—–—–—–—–—–Soltanto per fare il proprio interesse?


Believe me—–—–—–—–—–—–—–—–Credi in me

One love—–—–—–—–—–—–—–—-..–Un solo amore

One heart—–—–—–—–—–—–—--.--.—Un solo cuore

Let’s get together and feel alright—–—.–.–Uniamoci e sentiamoci bene

As it was in the beginning—–—–—–—.-Com’è stato in principio

So shall it be in the end”“—–—–—–—–— –Così sarà alla fine”

 

 

» “…teneva in piedi l’intero mondo” .» La poesia ci ricorda che siamo stati tutti bambini! .» Anche questo passerà… .» Grande Bobby!!!

“…teneva in piedi l’intero mondo”

Uno splendido videoclip dei RIO con la partecipazione straordinaria di Paolo Rossi e Fiorella Mannoia.

Spetta a noi costruire “quell’abbraccio grande e rotondo”… e poi pregare che il vento soffi ancora e che la coccinella ci aiuti!

» La poesia ci ricorda che siamo stati tutti bambini! .» Anche questo passerà…
»
Grande Bobby!!! .» “Che prezzo dare alla vita? Più o meno, pagandola bene, 6 bottiglie di acqua minerale…”

Un piccolo gesto, mille benefici!

Che mondo strano.

 

Da una parte 900 milioni di persone soffrono la fame e 11 milioni di bambini muoiono ogni anno per cause che si potrebbero facilmente prevenire (basterebbe molto spesso l’accesso all’acqua potabile).

 

statua-obesa.jpgDall’altra parte le cose non vanno affatto meglio, poiché sono 1 miliardo e 142 milioni  le persone in sovrappeso e più di 29 milioni quelle che ogni anno muoiono per eccesso di cibo (17,5 milioni per patologie cardiovascolari, 9 per patologie tumorali, 3,8 per diabete…).

 

Possibile che non si possa fare qualcosa per riequilibrare questi divari così assurdi, nell’interesse di tutti?

 

Vorrei provare a suggerire una semplice proposta, che parte da una riflessione sul consumo di carne, inquadrandolo consapevolmente nello scenario internazionale.

 

Per produrre 1 kg di carne occorrono 16 kg di cereali, come nutrimento per gli animali.

E il numero di animali allevati ogni anno per produrre carne non è davvero trascurabile: 1.300.000.000 bovini, 1.000.000.000 suini, 1.700.000.000 fra ovini e caprini e addirittura  12.000.000.000 di avicoli!!!

 

Il risultato è che 2/3 delle terre fertili del pianeta sono usate per coltivare cereali e legumi per gli animali che saranno poi macellati.

 

mega_hamburger.jpgE’ stato calcolato che per l’alimentazione dei soli ruminanti del pianeta si utilizzano cereali che sfamerebbero 9 miliardi di persone!!!

 

Quindi le produzioni attuali di cereali sarebbero già più che sufficienti a sfamare tutti: basterebbe ridistribuire la risorse e diminuire il consumo di carne dei paesi ricchi.

Se solo si diminuisse la produzione di carne quanto più cibo ci sarebbe per i più poveri? Quanta più acqua? E quante meno malattie legate al consumo eccessivo che noi spesso ne facciamo?

 

Paiono averlo capito in molti, a giudicare dal fatto che i vegetariani in Italia sono raddoppiati in soli 7 anni, passando da 3 a 6 milioni, e arrivando a superare così il 10% della popolazione del nostro paese.

 

Tuttavia, senza bisogno di arrivare ad una scelta così radicale, per cui io sinceramente non mi sento pronto, credo che potremmo fare tutti la nostra parte anche in un modo molto più semplice.

 

Voglio pertanto rilanciare la proposta di assoluto buonsenso avanzata qualche tempo fa da Rajendra Pachauri, delle Nazioni Unite: rinunciare alla bistecca una volta alla settimana!

 

Si tratta in fin dei conti di un piccolo gesto, ma che porterebbe grandi vantaggi anzitutto per la nostra salute, oltre che per l’ambiente e per i nostri fratelli più poveri.

 

Mi rivolgo a tutti voi, cari lettori del blog: vogliamo provarci insieme? Scrivetemi le vostre impressioni se già ci siete riusciti, o i vostri dubbi se intendete provare insieme a me…

 

Vi lascio con una poesia che scrissi qualche anno fa, dopo aver visitato un macello, terrificante! Fa parte della raccolta “Parole/Cuore cosciente” scritta insieme all’amico Arnaldo De Vidi.

State of the future 2008

3554435.jpgSecondo lo studio State of the future 2008 elaborato dal Millennium Project delle Nazioni Unite il mondo, grazie alle trasformazioni portate da Internet, dalla scienza, dalla medicina, è sulla soglia di un avvenire prospero, pacifico e migliore del passato per la maggior parte dei suoi abitanti, se solo non sprecherà questa opportunità a causa di degrado ambientale, ineguaglianza e violenza.

 

Ma il futuro non è ancora scritto… dipende anche da noi!