Autonomia e indipendenza, anche in cucina!

Sulle ali di questo vento di libertà che soffia sull’Europa -dai referendum della Catalogna a quelli della Padania- dobbiamo epurare le nostre tavole, liberandole dalle orribili contaminazioni culinarie frutto dell’incontro con i popoli sottosviluppati!

Per riscoprire insieme, con rinnovato orgoglio, la purezza della nostra cucina… 😉

 

Dalla piramide alla rete

Una riflessione sulla transizione energetica e un appello a tutti a sottoscrivere una petizione affinché si possa vendere e scambiare energia rinnovabile prodotta da cittadini e imprese.

Non lasciamoci sviare!

il futuro.In questo periodo di grandi inquietudini e incertezze per il nostro futuro -dalle disperate situazioni internazionali in Siria, Libia, Ucraina, Nigeria… allo scricchiolio delle fondamenta democratiche dell’Europa, con la crisi greca, al protrarsi spossante della crisi economica e occupazionale nel nostro Paese – è facile sentirsi smarriti e confusi. Lo respiro ogni giorno, negli sguardi e nelle parole dei tanti ragazzi che incontro.

Eppure, ora come non mai, io credo che sia fondamentale per tutti noi tenere la barra dritta e non lasciarci sviare dal nostro impegno per un mondo migliore, più giusto, libero, pacifico e fraterno.

E’ proprio per questo, in fin dei conti, che da tanto tempo non scrivo in questo blog: per il tempo e le energie che mi richiedono i numerosi progetti educativi, culturali e di impegno civile che sto portando avanti. Sempre con grande gioia e passione!

questa te la potevi risparmiareNelle scuole di Cesena e dei Comuni sulle colline cesenati prosegue infatti il progetto Questa te la potevi risparmiare sul risparmio energetico e le energie rinnovabili, che quest’anno coinvolge 15 classi per un totale di 45 incontri con oltre 300 alunni.

A Cervia sono appena finiti i laboratori del progetto “La legalità mette radici” che ha raggiunto altre 8 classi delle scuole medie, con le quali stiamo anche lavorando alla realizzazione di un video sul tema della legalità.

Sempre a Cervia proseguono gli incontri del progetto “Paesaggi interculturali” e l’attività del Consiglio Comunale dei bambini e delle bambine di Cervia

Nelle scuole superiori di Ravenna stanno invece per iniziare gli incontri del progetto “Chi è straniero?”promosso dalla Casa delle Culture.

Ie-adesso-2015-leggeron parallelo a questi, avrò una fitta serie di incontri pubblici in giro per l’Italia.

Domani sera sarò a Cervia per una formazione con i genitori all’interno del percorso “E adesso che facciamo?” sul tema “Nostalgia del futuro: liberarsi dai luoghi comuni, saper leggere i cambiamenti, motivare all’impegno e alla fiducia”.

Sabato 21 incontrerò i ragazzi del Gruppo Mese sul tema “Globalizzazione” in un incontro promosso dal Centro Pastorale Missionaria di Faenza.

Domenica 22 al mattino sarò invece a Rimini per portare un contributo di riflessione a 120 scout in occasione del “Thinking Day”; la proposta per quest’anno dell’Agesci è “Rendere capaci le nostre guide e scout di sviluppare appieno le proprie potenzialità per essere cittadini del mondo responsabili”.

TR3SEREGiovedì 26 a Faenza per la Tresere sui temi sociali: uno spazio di dialogo e riflessione aperta sui temi sociali più attuali.

Sabato 28 in Toscana, a Buggiano, con il mio incontro “Sogno e son desto, stavo cambiando il mondo e ho dimenticato la pentola sul fuoco!” insieme agli alunni dell’Istituto “Cavalcanti”.

Poi mercoledì 4 e lunedì 9 marzo a Ravenna, sempre con “Sogno e son desto” insieme agli alunni di numerosi Istituti superiori della città (Liceo classico, Geometri, Callegari, Agrario, Liceo Scientifico) presso l’Auditorium del Palacongressi.

Il 19 e il 20 ancora a Ravenna per un incontro promosso dalla Casa delle Culture con alcune donne Rom che porteranno una testimonianza della loro vita. Si tratta di donne che sono riuscite ad integrarsi e si impegnano per promuovere un cambiamento all’interno delle proprie comunità e nei rapporti con esse.

Il 21 a Bologna con un centinaio di ragazzi delle scuole medie di Cervia, per partecipare alla Marcia per la Memoria e l’Impegno promossa da LIBERA in ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

Si tratta dei ragazzi con cui abbiamo realizzato il percorso “La legalità mette radici”.

Dal 24 al 28 sarò poi in Sicilia per incontri nei teatri a Caltanissetta e Carini.

E dopo Pasqua a Roma per alcuni momenti di formazione e incontri con le Scuole Superiori al teatro Ambra della Garbatella…

Infine, insieme a Jacopo Fo, Fabio Roggiolani, Marco Boschini, Daniel Tarozzi, Claudia Bettiol, Mao Valpiana, Sergio Ferraris ed altri amici stiamo iniziando a ragionare sulla nuova edizione del Festival EcoFuturo, dopo il grande successo dello scorso anno!

testata-ecofuturo-video

Sempre con il vento sulla pelle e le mani ben strette sul timone!

.

Immaginare la libertà e … liberare l’immaginazione

L’educazione non dovrebbe ingabbiare, ma liberare!!!

Come ha detto il grande regista Silvano Agosti: “Il vero schiavo difende il padrone, mica lo combatte. Perché lo schiavo non è tanto quello che ha la catena al piede quanto quello che non è più capace di immaginare la libertà.
Allora, intanto uno non deve mettere i fiorellini alla finestra della cella della quale è prigioniero perché sennò un giorno, anche se la porta sarà aperta, lui non vorrà più uscire…”

colorare-dentro-marginiInsegnare a colorare dentro ai margini può apparirci la cosa più innocente e normale del mondo, perché tutti l’abbiamo sperimentato da bambini (e forse aiuta anche ad acquisire una competenza nella manualità) ma rischia di essere un po’ come un invito a rimanere dentro gli schemi e a “mettere i fiorellini alla finestra della cella”.

ignoriamo-contorniProviamo a chiedere ai nostri bambini cosa piacerebbe loro disegnare.
Poi offriamo loro dei fogli con i classici “disegni da colorare”, diversi però rispetto ai loro desideri.

(Ovviamente i fogli dovranno essere stampati fronte e retro, altrimenti basterebbe voltarli per avere una pagina bianca.)

A questo punto spieghiamo loro che il “gioco” consiste nell’ignorare i contorni e sentirsi comunque liberi di disegnare e colorare -usando tutto il foglio- quello che vogliono e come meglio credono!

Se vogliamo creare una società felice, educhiamo alla libertà e alla creatività!

.

Affinché si possa un giorno dire: “Qui in Italia noi facciamo così…”

Mi impressiona sempre rileggere il famoso discorso di Pericle agli Ateniesi, pronunciato nell’anno 461 A.C.

L%2527et%25C3%25A0+di+Pericle+%2528da+laescueladeateanas.wordpress.com%2529.JPG“Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benchè in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versatilità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.”

E’ esattamente per promuovere questo spirito e questa consapevolezza che io continuo a viaggiare, a fare incontri, a promuovere con passione la cultura dei diritti e dei beni comuni…

E’ per questo che quasi ogni mattina sono nelle scuole per Laboratori didattici su pace, sostenibilità, diritti e intercultura.

E’ per questo che domani, giovedì 17, sarò a Bologna per un incontro pubblico insieme ad Angelo Bonelli di presentazione del nostro percorso ecologista e civico, venerdì 18 sarò a Mogliano Veneto per un incontro dal titolo “La scuola come bene comune” all’interno della Scuola della Decrescita di Treviso e sabato 19 parteciperò a Venezia all’incontro “Nuove esperienze di abitare: tra ecologia, decrescita e altreconomia” promosso dall’Associazione In Transizione-Architettura ed Etica.

Affinché si possa un giorno dire: “Qui in Italia noi facciamo così…”

Con le mani nella marmellata…

Ci hanno beccato. Questa volta non potremo proprio negare.
E’ ormai evidente a tutti la nostra responsabilità… e non abbiamo neppure un alibi decente.

Semplicemente siamo colpevoli di “manifesta ricerca della verità”.
E delle conseguenze gravissime che questo comporta.

NotteDellaRete.jpegPer me non è una novità, ne ero consapevole già da tempo e in tutti i miei incontri andavo onestamente dicendo che sono allergico alla menzogna. Un clandestino dichiarato, insomma.
Per fortuna poi che siamo in Italia, in altri paesi non sarei neppure vissuto così a lungo.

Il problema è che ora siamo in tanti con questo “difetto”, troppi secondo l’Autorità per le Comunicazioni che domani, 6 luglio, si appresta a votare una delibera con cui si arrogherà il potere di oscurare siti internet stranieri e di rimuovere contenuti da quelli italiani, in modo arbitrario e senza il vaglio del giudice.

Come darle torto? Hanno terribilmente ragione, dal loro punto di vista.
Fossi al loro posto anch’io farei lo stesso… 😉

Non ci sono più dubbi ormai sul fatto che la rete stia giocando in tutti i paesi del mondo un ruolo destabilizzante enorme del cosiddetto “ordine” costituito; specialmente i blog, per la loro assoluta indipendenza e libertà di pensiero.

Davvero troppo per chi deve aggrapparsi con le unghie e con i denti ai propri privilegi in un momento difficile (per loro!), in cui tutto il vecchio sistema scricchiola.

Per dire no al bavaglio alla rete questa sera partecipa anche tu e invita tutti i tuoi amici a “La notte della rete”: 4 ore no-stop in cui si alterneranno cittadini e associazioni in difesa del web, politici, giornalisti, cantanti, esperti.

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sul Fattoquotidiano.it e su una rete di tv locali.

Per info e partecipazione: nocensura@agoradigitale.org
http://www.agoradigitale.org/nocensura
http://www.agoradigitale.org/lanottedellarete

 

» Il bavaglio è il segnale chiaro che il potere scricchiola!!! Musica per le nostre orecchie…»

Diciamo la verità!!!

L’idea che è stata diffusa rispetto all’immigrazione è quella che gli stranieri siano per noi un costo e godano di privilegi a discapito degli italiani.

regalo_Mamadou.jpgSpecialmente in termini di spese sociali.

Invece, guardando ai dati ufficiali riferiti alla nostra economia si scopre che:

1) gli stranieri extracomunitari presenti nel nostro paese producono 134 miliardi di euro all’anno, pari al 9,5% del Pil; senza questo contributo non potremmo di fatto pagare tutte le pensioni!

 

2) pagano tasse e contributi per un totale di 19,5 miliardi di euro all’anno;

 

3) ricevono dallo Stato servizi per un ammontare di 10,3 miliardi di euro l’anno;

La verità è dunque che gli immigrati ricevono molto meno di quanto versano e portano 9,2 miliardi di beneficio all’Italia!

Ci regalano quindi 164 euro a testa, contando anche i neonati, ogni anno.

 

Per favore, diciamo la verità!!! Solo la verità può renderci liberi…

 

Il mio -sia chiaro- non è un appello morale, è proprio un invito esplicito ad ogni amante della sincerità ad un costante, inarrestabile, onesto, passaparola con tutti i nostri conoscenti.

Nucleare? Ecco come ti cucino l’opinione pubblica…

Il nostro amatissimo premier ha incontrato oggi “l’amico Putin” -come l’ha definito lui stesso- in un vertice bilaterale fra Italia e Russia.

 

berlusconi_putin.jpg

Berlusconi, temendo che qualcuno potesse dimenticarsene, ha voluto subito ricordare di essere legato al premier russo “da molti anni da stima, amicizia e affetto”.

 

Ognuno ha gli amici che merita, verrebbe da dire, ma non è questo il punto, ora.

 

“Abbiamo parlato molto del futuro dell’energia nel mondo -ha aggiunto Berlusconi- e siglato un accordo che può segnare una svolta per il nucleare.”

 

Proprio oggi, giorno in cui ricorre il 24° anniversario del disastro di Chernobyl, il premier riconferma ancora una volta in suo grandissimo “sense of humour” e trova simpatico promuovere il nucleare, annunciando che il ministro Scajola “è intenzionato a far partire i lavori entro questa legislatura”.

 

Prima di individuare un luogo in cui realizzare la prima centrale nucleare però -ha concluso Berlusconi- “bisogna che cambi l’opinione pubblica italiana; dobbiamo fare una vasta opera di convincimento, guardando alla situazione francese”.

 

Non importa che tutti i sondaggi mostrino un’opinione pubblica assolutamente contraria al nucleare, senza considerare poi il fatto che gli italiani si erano già espressi democraticamente con un referendum su questo tema, rifiutandolo con fermezza.

 

nucleare_pulito.jpgL’opinione pubblica, infatti, non si ascolta, si crea!!!

 

Io non mi stupisco affatto, è da diversi anni ormai che attraverso le tv viene formata l’opinione pubblica degli italiani, in modo da legittimare preventivamente le scelte che si stanno per compiere.

 

Prepariamoci dunque nei prossimi mesi a questa “vasta opera di convincimento”, espressione perfetta di pluralismo, democrazia e libertà.

 

Proprio come le intende “l’amico Putin”.

“Adotta un nonno… e insegnagli a navigare!” continua la Campagna di utilità sociale

_

nonno_naviga.jpgNon mi sono appassionato alla nautica, come potrebbe sembrare, ma voglio ritornare sulla mia proposta lanciata con il post “Adotta un nonno.. e insegnagli a navigare!”.

 

In quel post avevo riflettuto sull’importanza di un’informazione pluralista, che deriva dalla possibilità di accesso ad internet, rispetto al tragico monopolio della disinformazione televisiva italiana, di cui pochi giorni fa anche un Rapporto di Freedom House ha denunciato la gravità.

 

Mi ero concentrato in particolare sulla libertà che internet può offrire: libertà di scegliere la prospettiva da cui osservare le cose, libertà dalle menzogne sistematiche orientate a secondi fini, libertà di accesso ad un’informazione alternativa.

 

Oggi vorrei sottolineare l’importanza dell’accesso ad internet anche in termini di risparmio economico, che in tempi di crisi come questo non fa mai male.

 

Secondo un Rapporto della Commissione Europea, una più ampia alfabetizzazione digitale e il conseguimento dell’accessibilità al 100% dei siti pubblici entro il 2010 permetterebbe di ottenere dei benefici di un importo compreso tra 35 e 85 miliardi di euro nell’arco di cinque anni.

Non mi sono sbagliato a scrivere, avete letto bene: benefici tra 35 e 85 miliardi di euro in 5 anni!

 

A tale scopo, in una dichiarazione pronunciata a Riga nel 2006, i ministri dell’UE si sono impegnati a conseguire obiettivi ben definiti, tra cui “il dimezzamento dei divari nell’uso di Internet e l’alfabetizzazione digitale.”

 

Tuttavia molto resta ancora da fare in tale senso: l’accessibilità dei siti pubblici è ferma al 5%. Solo il 10% delle persone di età superiore a 64 anni utilizza Internet, mentre la media europea è del 47%. Se non interveniamo il divario sarà dimezzato solo nel 2015 e non nel 2010.

 

Ecco quindi che torno a riproporre la Campagna “Adotta un nonno… e insegnagli a navigare!”, anche come opportunità di un sano risparmio economico, prodotto senza assurdi tagli all’istruzione o alla sanità.

 

Se condividete l’idea di questa Campagna, diffondetela. Grazie.

Adotta un nonno… e insegnagli a navigare!

NONNI_INTERNET.JPGSecondo gli ultimi dati resi noti dall’ISTAT, su un totale di circa 57 milioni di persone, la popolazione italiana oltre i 65 anni è pari al 18,5%.

In pratica quasi 11 milioni di italiani sono “over 65”. Un dato ottimo, che ci pone secondi solo al Giappone in tutto il mondo. Ma non è di questo che intendo parlare ora.

 

Vorrei fare notare invece come di questi 11 milioni di “anziani” – se così si può dire visto che molti di loro sono ancora in gran forma e spesso occupano ancora posizioni di potere –  la stragrande maggioranza (il 92,8%!!!) non ha mai utilizzato Internet: si tratta in pratica di 10 milioni di persone in balia esclusiva della tv, la quale è presente invece nel 95,4% delle famiglie italiane.

E lo stesso, purtroppo, vale anche per una fetta significativa (quasi i due terzi) degli individui tra i 45 ed i 64 anni che ugualmente non utilizzano mai Internet.

Molti di voi staranno pensando a questo punto: “Ecco che si spiegano tante cose…”  Appunto! E’ proprio di questo che vorrei parlare ora.

Non ditemi infatti che anche voi non siete frequentemente assaliti, di fronte a molte circostanze diverse, da quella domanda terribile che ci rode dentro: “Ma come diavolo fanno milioni di persone a non capire questa cosa?”

 

Beh, forse per trovare la risposta dovremmo guardarci dentro e fare uno sforzo di memoria per cercare di ricordare cos’era la nostra vita prima di iniziare a navigare su internet, quando anche noi vagavamo come naufraghi impotenti nell’oceano dell’informazione di massa, in balia delle onde implacabili della disinformazione, senza nemmeno un salvagente rappresentato da un sito amico, onesto, libero, sincero… quando il nostro menù era composto soltanto da 8-10 canali, con il telecomando, subdolo, a illuderci di essere comunque noi a scegliere.

nonni-internet-cafè.jpgCredo che noi rischiamo spesso di sottovalutare questa libertà di scelta sconfinata alla quale ci siamo abituati, direi quasi assuefatti, finendo per considerarla quasi, come dire… “naturale”.

Beh, così non è, come dimostrano i dati impressionanti che ho citato sopra.

E non possiamo rimanere indifferenti, memori del nostro passato, di fronte alla solitudine senza speranza in cui vivono milioni di nostri connazionali, che potrebbero essere tutti nostri nonni.

 

Loro hanno lottato e sono morti a migliaia per liberarci dal nazi-fascismo e regalarci la possibilità di vivere in questa condizione di libertà.

Non vi pare che ora dobbiamo fare anche noi qualcosa per loro?!?

 

Ma come fare? C’è un dato molto importante fra le ultime statistiche uscite sull’utilizzo di internet da parte degli anziani (e delle casalinghe, che sono il 40% della popolazione femminile adulta e che parimenti fanno un uso minimo delle tecnologie digitali): è cambiata negli ultimi anni la ragione per la quale queste persone non usano internet.

 

In soli due anni è crollata la percentuale di quanti non lo usano perchè “lo ritengono inutile” (dal 39,6% del 2006 al 25,2% del 2008), mentre è salita notevolmente la quota di quanti non hanno accesso ad internet “per mancanza di capacità” (dal 31,9% al 40,6%).

Cosa??? “Mancanza di capacità”? Tutti noi sappiamo benissimo che usare internet è la cosa più semplice del mondo, molto più che “imparare ad usare il computer”, come si dice nel linguaggio comune!

 

Quindi queste persone restano schiave della tv, e assolutamente manipolabili, solo perchè credono di non essere capaci di usare internet.

E non sono neppure spaventati dai costi se non in misura molto minore (appena il 12,6%).

Tre quarti di loro vorrebbero imparare, ma sono convinti di non potercela fare!!! E solo pochissimi si iscriveranno ad un corso di internet per anziani.

Allora ecco la mia proposta, che non vuole essere solo una battuta: se abbiamo un po’ di tempo libero per fare volontariato, adottiamo un nonno o una nonna, un amico, un collega, una vicina di casa e a titolo assolutamente gratuito proponiamogli di seguirlo con semplicità nei primi passi, prendiamoci la briga di istallargli internet, configurarglielo con cura (lo so è la parte atroce, ma in fin dei conti molto meno che combattere contro i nazisti!), e insegnargli con amore come si usa un motore di ricerca. Non è impossibile, possiamo farcela!

 

Avremo fatto così un gesto di grande responsabilità civile e storica: avremo restituito la libertà a chi si era battuto per offrirla a noi.

 

Poi ve li immaginate questi simpatici nonnetti che magari dopo qualche mese usano pure FaceBook, chattano con  Skype e aprono anche un bel blog?!?

 

Che meraviglia… allora tutti al lavoro! Adottiamo un nonno e insegnamogli a navigare.

 

– QUESTA E’ UNA PUBBLICITA’ PROGRESSO, PROMOSSA DAL “MINISTERO PER LA LIBERAZIONE DEFINITIVA DALLA TV”. –