Piccoli consiglieri… si diffondono!

Incomincia domani anche a Santarcangelo di Romagna l’esperienza stupenda del Consiglio Comunale dei Bambini/e e dei Ragazzi/e.

CCB-Santarcangelo1

E’ un progetto di educazione civica e protagonismo giovanile che si va diffondendo sempre più in tutta Italia.

Sono oltre un centinaio, infatti, i Comuni che hanno scelto di istituire questo organo per dare voce ai più giovani della propria comunità…

CCB-Santarcangelo2

Io ho il piacere di seguire da 7 anni quello di Cervia e devo dire che è un’esperienza straordinaria, che mi ha insegnato moltissimo, su un piano umano ancor prima che professionale!

Sono davvero felice che ora parta questo progetto anche a Santarcangelo.

Questo è il blog del CCB di Cervia: http://piccoliconsigliericrescono.myblog.it/

E questo un bell’articolo di Marco Boschini per l’Huffington Post: http://www.huffingtonpost.it/marco-boschini/piccoli-esercizi-democrazia-consiglio-comunale-bambine-bambini-cervia_b_6560730.html

Niente è impossibile!

E’ possibile collegare 9 puntini con 1 sola linea retta?

Con questo potrei anche andare in pensione!

Invece credo proprio che continuerò, perché mi diverto e perché amo condividere idee, emozioni, valori e gli strumenti per dare loro le gambe…

È anche cosa nostra…

Una bellissima mattina al Teatro Comunale di Cervia, con i ragazzi delle scuole medie che hanno messo in scena uno spettacolo a conclusione del Progetto “La legalità mette radici” che ha coinvolto tutte le classi terze.

LOCANDINA-LEGALITA'-CERVIA-LEGGERASono stati bravissimi!!! Sono orgoglioso di loro, come fossero miei figli…

Un ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile questo progetto: dirigenti scolastici, insegnanti, amministrazione comunale, forze dell’ordine e associazioni, oltre ai nostri testimoni Pippo Giordano, Ciro Corona e Roberto Duraccio che avevano incontrato i ragazzi all’inizio del percorso e a Stefania Dirienzio, Giudice del Tribunale Penale di Reggio Calabria, che ha portato una testimonianza in questo evento conclusivo.

E infine un grazie particolare a Emanuela Amodio, amica e collega della Cooperativa Kaleidos, per il prezioso aiuto nella preparazione dello spettacolo!

Qui potete vedere alcune foto. Nel sito del Comune di Cervia potete trovare una gallery più ampia.

 

Sbagliando si impara? Ne parliamo con Licia Colò

Ieri sono stato ospite a TV2000 di Licia Colò e Alessandro Antonino, per una puntata del loro programma “Dio li fa e poi li accoppia” interamente dedicata a questo tema -che come sapete mi sta molto a cuore- insieme alla psicologa e psicoterapeuta Valentina Scoppio.

Se ve la foste persa, qui potete rivedere la puntata.

Il razzismo non è innato

Come hanno dimostrato gli scienziati americani Robert Kurzban, John Tooby e Leda Cosmides nei loro studi sperimentali sulla formazione e sullo sviluppo delle coalizioni, le classificazioni sono basate su qualsiasi segno distintivo che aiuta il formarsi di coalizioni.
Non seguono affatto una classificazione in “razze”, se non quando questa viene rinforzata o presentata come l’unica disponibile.
Quando gli indicatori di un’affiliazione in coalizioni non seguono o non corrispondono più alle distinzioni razziali, i soggetti diminuiscono chiaramente la propensione a classificare gli altri secondo le razze, fino a smettere di farlo del tutto.
Bastano quattro minuti di esposizione a un mondo sociale alternativo per sgonfiare la tendenza a classificare in razze.
E’ un risultato straordinariamente importante. Non esiste un razzismo innato.
Non siamo affatto dei classificatori meccanici di individui in “razze”.
Ci sono conseguenze pratiche: possiamo immaginare dei correttivi che approfittano degli stessi meccanismi classificatori che presiedono al riconoscimento delle alleanze per aiutare il formarsi di una coalizione che domini le differenze somatiche.
Sicuramente una misura da evitare è la costruzione di barriere supplementari tra gli individui (come classi monoculturali), barriere che rendono gli individui più diversi del necessario, rafforzando l’impressione di una differenza profonda.

Razzismo-non.innato

Il referendum: si torna indietro di 30 anni? Magari…

Il referendum costituzionale sta dividendo gli italiani, non soltanto fra i sostenitori del Sì e quelli del No, ma soprattutto fra quelli che fingono di averne capito perfettamente ogni sfumatura e coloro che – più onestamente – ammettono di non capirci una mazza!

Già, perché non è poi tanto facile formarsi un’opinione su un tema e in una materia così complessi. Gli stessi costituzionalisti, anche i più esperti, faticano a riassumere le loro analisi, non volendo correre il rischio di banalizzarle. E in questo non aiutano certo i tempi strettissimi della tv che favoriscono indubbiamente gli slogan e i ritmi serrati alla Twitter rispetto alle analisi più approfondite, con tempi più ampi, in stile Treccani.

In tutto ciò molti italiani sono confusi e non solo non sanno cosa decidere, ma soprattutto come decidere! Se è difficile – infatti – entrare nel merito della riforma, molti verosimilmente finiranno per scegliere sulla base della simpatia, o meglio ancora dell’antipatia per uno o più degli esponenti di punta dei due schieramenti.

Non mi pare questo un criterio molto affidabile, specie quando si mette mano ad una materia così delicata come la nostra Costituzione. Per questo ho pensato di proporre ai miei lettori del Fatto Quotidiano un altro criterio di scelta, decisamente alternativo… forse non sarà esattamente scientifico, ma siamo proprio sicuri che le nostre scelte più importanti, nella vita, lo siano state?

 

Arrivederci Dario!

Voglio ricordarti così Dario, con la straordinaria carica di energia e vitalità che ci hai sempre regalato, anche in occasione della indimenticabile festa per i tuoi 90 anni!!!

Mi stringo in un abbraccio a Jacopo, Nora, Mattea, Jaele, a Mario, Gabriella, Simone, e a quanti ti sono stati cari.

Che dire: grazie di cuore per tutto quello che ci hai dato! Ci mancherai.

Cercherò di portare avanti, nel mio impegno, la tua creativa e geniale “rivoluzione gentile”.

Festa-90-anni-Dario